Utente 210XXX
Salve, assumo uno sciroppo per il reflusso (GADRAL) L'altro giorno mi è caduto il tappo nel cucinino a terra, su uno strofinaccio molto vissuto e abbastanza sporco che sta sempre a terra, ovviamente ho provveduto a recarmi in bagno e lavarlo con il sapone sciacquandolo sotto l'acqua corrente, se avessi omesso qualche punto del tappo non deterso bene con il sapone, è poi avendolo richiuso a contatto con il flacone di sciroppo ovviamente, rischio robe come l'escherichia? Il flusso d'acqua se non avessi deterso interamente il tappo basterà per rimuovere residui batterici? La ringrazio.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
stia pure tranquillo.
La detersione effettuata ha pressocchè azzerato la carica batterica e lei non corre alcun pericolo.
Tenga presente che nel suo colon ci sono miliardi di Escherichia Coli: finchè stanno lì non procurano alcun danno.
Saluti cordiali.
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Dottore ho una domanda, ho una splendida Nipotina di 3 anni, alla quale non è stata insegnata la corretta abitudine (Era troppo piccolina ancora) Di non salire con le scarpe su divani e letti, i miei familiari mi prendono sottogamba quando gli faccio notare la cosa, dato che con quelle scarpe la piccola ci passeggia fuori e nei giardinetti, comunque loro non mi danno ascolto quando gli parlo dei possibili pericoli, vero che io sono ipocondriaco, ed ho una fissazione pazzesca per il Tetano e per altri mille patogeni, nonostante abbia il richiamo (2011) Quindi spesso ogni oggetto come può essere un telecomando che sosta sul divano non riesco a maneggiarlo tranquillamente proprio perché è stato su quel divano che è al pari di un tappeto a mio parere oramai, e mi basta anche solo che io mi morda la lingua mentre mangio a tavola per esempio, e poi tocchi quel telecomando distrattamente mangiando dopo con le stesse mani (Come è successo oggi) Che mi sale l' ansia. Anche vero che magari queste malattie pericolose non possono saltare cosi facilmente da un'oggetto all'altro e ci vogliono ferite ben più estese e sporche, però queste cose mi destano preoccupazione, esagero io o i miei familiari sminuendo tutto ciò per quanto fantasioso e apocalittico?
[#3] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Dottore mi scusi l'insistenza, sono in fase di ridefinizione per alcuni problemi, della mia terapia presso il mio Psichiatra, in questi giorni senza farmaco non ho tregua, i pensieri paranoici da malattia continuano ad assalirmi, le pongo si spera l'ultimo quesito dato che domani per fortuna avrò il colloquio con il mio psichiatra per ridefinire la terapia.. Le spiego, al rientro in casa sfilandomi le scarpe come d'abitudine con un piede e poi con l'altro, la parte inferiore dei calzini e venuta ovviamente in contatto con la scarpa che sfilavo in una zona abbastanza sporca del tacco nell'atto, zona spesso a contatto con sporco di strada e sporca, poco dopo mentre mi rilassavo, ho l'abitudine di distendere le gambe sulla mia scrivania, la stessa zona che ha toccato il tacco della scarpa precedentemente, ha toccato l'alluce del mio piede opposto nell'atto di incrociare le gambe distese dove ho un unghia spesso dolente (Seppur coperto dal calzino esternamente). Al momento della doccia mi sono lavato per bene, ma erano presenti sotto le unghie alcuni residui neri del calzino stesso che vi si sono infilati creando dei pallini di cotone, ho preso il tagliaunghie, l'ho sciacquato e irrigato con poche gocce di acqua ossigenata, per poi tagliarmi le unghie dei piedi e pulirle con "L'uncino" del taglia unghie sempre avendolo prima disinfettato, di abitudine dopo averle tagliate butto ancora 2/3 gocce di acqua ossigenata per disinfettare e sbiancare, se nel caso avessi tagliato un unghia troppo corta e c'era ancora qualche residuo di cotone di calzino infilato sotto rischio il tetano secondo la dinamica degli eventi descritti? Oppure magari irrigare con dell'acqua ossigenata seppur poche gocce può creare lesioni particolari per poi dare accesso a residui di calzino ancora sotto unghia? (Dato che ho sentito un lieve bruciore mentre accorciavo l'unghia, ma può darsi sia l'azione disinfettate dell'acqua ossigenata che friggeva forse) Mi scusi, mi accorgo di essere a tratti delirante, ma per fortuna domani porro rimedio a tutto, fatto sta che a me queste "Situazioni" Tormentano. Cosa dovrei fare? Stare tranquillo o irrigare nuovamente con disinfettante per sicurezza? Grazie. Tutto ciò per me è un'incubo..
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
per quanto riguarda la sua nipotina ha dei genitori e lasci che loro si occupino di lei, evitando di nevrotizzarla.
E' importante che il sistema immunitario di un bambino sano si alleni e comunque i genitori della sua nipotina sanno come comportarsi.
Eviti di interferire tanto più che lei è sofferente di una grave sindrome ossessiva.
Non vedo nessun reale problema nella scarpa che tocca il calzino e nell'accorciamento delle unghie sotto la doccia.
Vedo un uso irrazionale e smodato di acqua ossigenata riconducibile alla sua patologia.
Si affretti pertanto ad andare dallo psichiatra per mettere a punto la terapia perchè mi pare che la fase di wash out sia stata sufficientemente lunga e che lei abbia necessità di assumere gli opportuni farmaci al più presto.
cari saluti.
Caldarola.
[#5] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta, comunque in merito a mio nipote io mi riferivo quando da fuori viene nell'appartamento dove vivo io, e non quando sale a casa sua con le ciabatte di casa sul sofà o altri posti di comunque utilizzo, comunque l'uso dell'acqua ossigenata quindi per come la uso io può creare qualche problema di qualche tipo? La uso nel modo descritto ogni volta che taglio le unghie quindi ogni due settimane. Grazie. Buona serata.
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
No, non provoca alcun danno.
E' espressione di un grosso disagio psichico, che lei stesso ha ammesso di avere.
Spero che davvero domani vada dallo psichiatra.
Saluti cari.
Caldarola.