Utente 102XXX
Spett.li Dottori,

Sono una donna di 26 anni, e fino ad un anno fà ero lievemente sottopeso, complice una vita particolarmente stressante. Da un anno a questa parte, ho subito un lieve aumento di peso (all'incirca 5 kili) accompagnato da un aumento vertiginoso della cosidetta "cellulite", che è fitta nella zona dei fianchi e dei glutei. Oltre al disagio "estetico", ve ne è uno funzionale: la zona colpita dalla cellulite è particolarmente dolente, e oltre alla pelle spessa e ad un certo rossore , ho una fastidiosissima sensazione di pesantezza mai sentita prima.
Come posso migliorare la situazione? Vi chiedo, da professionisti, se esista una terapia/trattamento che perlomeno possa alleviare i disagi (non solo estetici) causati dal mio disturbo, e in cosa consista..perchè capisco benissimo che le varie creme e pasticche sponsorizzate in tv nn sono che un abbaglio per chi, speranzoso, si prepara alla prova costume in vista dell'estate, e che le cure mediche sono ben altra cosa rispetto a quelle di un'estetista.
Ho sentito parlare di cavitazione e mesoterapia, ma mi chiedo se siano trattamenti risolutivi del problema (magari accompagnati da sana alimentazione e attività fisica) o pagliativi.

Grazie mille,

Daniela
[#1] dopo  
Dr. Francesco Scarpa
24% attività
8% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Buona sera,
La cellulite o pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica, indica una condizione alterata del tessuto sottocutaneo ed è caratterizzata da ipertrofia delle cellule adipose, dove, negli spazi intracellulari si accumulano liquidi (residui dei processi biochimici dell'organismo) in eccesso.
Migliorare la situazione è possibile.
Importante è l'alimentazione. La dieta è di tipo ipocalorico e ricca quindi di frutta e verdura che essendo depurativa e ricca di fibre e di sostanze antiossidanti e naturalmente diuretica, aiuta l’organismo a liberarsi delle tossine e scorie accumulate.
L'attivita fisica moderata. Favorisce la circolazione sanguigna e linfatica e tonifica i muscoli. Lo sport più indicato è quello di tipo aerobico (per esempio camminare di buon passo, corsa leggera, andare in bicicletta) che aumenta la frequenza cardiaca e respiratoria per un periodo prolungato, e quindi brucia più grasso che zuccheri e stimola il metabolismo. Evitare sport violenti e che richiedano sforzo eccessivo.
Massaggi e in particolare il linfodrenaggio. Si tratta di massaggi efficaci nel combattere il ristagno dei liquidi.
Molto spesso è utile associare dei prodotti drenanti (normalmente principi fitoterapici).
Tra i trattamenti medici la cavitazione è da escludere. Questa trova utilità solo nel trattamento delle adiposità localizzate. Un buon trattamento medico è la mesoterapia. Questa consiste nell'iniezione di un insieme di farmaci, a piccole dosi, mediante aghi sottili. E’ importante la scelta dei farmaci da utilizzare, perché variano a secondo dei tipi di cellulite. Deve perciò essere effettuata una diagnosi accurata. Il ciclo di cura comprende da 8 a 15 sedute con frequenza settimanale, seguito da una di mantenimento mensile.
Cordiali saluti



[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Molte grazie Dr. Scarpa per le delucidazioni! E' stato chiarissimo..mi rivolgerò a qualche professionista della mia zona per la mesoterapia. Saluti