Utente 470XXX

Buongiorno, 11 anni fà ho avuto una condilomatosi peri-anale (non c'è stata penetrazione), ma solo l'appoggio del genitale maschile del partner a livello perianale. Sono guarito con DTC (effettuata 6 volte ogni 15 giorni) e Aldara per un mese. Successivamente ho effettuato il Vaccino quadrivalente per HPV. Il problema ora è questo, soffrendo di stitichezza per la cattiva alimentazione, ho il canale anale un po' "chiuso" Visita proctologica: mucosa anale normale, piccola e superficiale ragade a ore 18 e ore 12, lieve ipertono. Terapia: miscela dei tre oli un cucchiaio al dì e POL CREMA. Le ragadi sono guarite in tre giorni con POL CREMA. Volevo chiedervi questo, a scopo terapeutico può avere senso utilizzare il dilatatore con un lubrificante a base acquosa. Eventualmente, invece di tenerlo per 10 minuti se lo tengo un'ora ( 2 volte a settimana per un breve periodo) non dovrebbe farmi più che bene? Ripeto, attualmente non ho ragadi, ma solo stitichezza per l'alimentazione e il canale anale un po' "chiuso". Perdonate la franchezza.
Cordialmente.

Valutazione ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La ginnastica anale con i dilatatori ha senz'altro senso, ma a mio avviso il suo utilizzo a scopo terapeutico per uno specifico paziente (in questo caso lei) deve essere comunque prescritto dal suo medico. Anche perché le modalità con le quali vorrebbe utilizzarlo lei (un'ora due volte a settimana) sono a mio avviso del tutto inadeguate alla maggior parte dei pazienti, quindi anche di questo dovrebbe parlarne con chi l'ha visitata.
Mi permetta però di dirle che, poiché a monte di molti suoi problemi (e ce lo scrive lei stesso!) c'è un'alimentazione non corretta, la cosa più saggia da fare è aggiustare subito la dieta in modo da evitare la stipsi
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Grazie per la risposta, troppo gentile.
Ma, a suo avviso, la miscela dei tre oli è un buon prodotto?
Perché ne prendo 3 cucchiai a stomaco vuoto una volta al giorno (come scritto nella confezione), ma non è che abbia risolto tanto...

[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non conosco nei dettagli questa miscela: immagino che, come molti prodotti di questo genere, non potrà fare miracoli se non si mette pesantemente mano alla dieta.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dottore, un' ultima domanda se me la concede.
Innanzi tutto cercherò di curare la stipsi con l'alimentazione.
A parte questo, è evidente il fatto che io sia ghey.
Non ho mai avuto rapporti penetrativi e la condilomatosi, curata 11 anni fa, si è verificata per l'appoggio di pochi secondi del membro maschile a livello perianale
E' stato a sufficienza un contatto brevissimo per prendere un ceppo, chissà quale, di hpv. Due mesi dopo l'episodio hanno cominciato a svilupparsi i condilomi, solo al livello perianale.

Volevo chiederle questo: " Visto che i trattamenti con DTC eliminano la lesione, ma non il virus e,tenendo conto del fatto che dall'ultima DTC ho fatto un mese di Aldara e nel mio caso la guarigione è stata ottima senza più recidive in 11 anni. Volvo cortesemente chiederle questo:
"E' possibile che l'imiquimod, visto che agisce richiamando difese immunitarie, abbia eliminato il virus e non solo la guarigione dalla condilomatosi?

Come dati anamnestici poso dirle questo:
- Emocromo e protidogramma normale,
- Non uso prodotto cortisonici, a livello anale,
- Anticorpi Anti nucleo ANA- ENA: negativi,
- HAV/HBV/HIV/LUE: negativi,
- Per HBV- HAV sono vaccinato con titolo elevato,
- Vaccinato per HPV (Gardasil 6-11-16-18), ma purtroppo il Vaccino non ha un significato terapeutico.

In altre parole, ho paura di sviluppare, un domani, un carcinoma peri-anale.
E, purtroppo, sia per le donne sia per i maschi che hanno rapporti anali non esiste attualmente uno screening come per il carcinoma della cervice.

Non voglio fare la fine della straordinaria attrice Farrah Fawcett, morta per un tumore anale hpv correlato e durante la malattia ha ribadito l'importanza della vaccinazione contro l'hpv per la prevenzione della malattia; infezione spesso viene ignorata dai medici che per una forma di pudore non chiedono alla donna se ha rapporti anali, figuriamoci ad un maschio

Cordialmente


Se fosse interessato alla "storia" di prevenzione promossa dall'attrice statunitense:
https://www.youtube.com/watch?v=vfCS7VkJUM8

[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La rimando a questo articolo http://www.medicitalia.it/minforma/colonproctologia/807-condilomi-anali.html confermandole comunque che le terapie mediche possono influire sui condilomi ma non sull'infezione virale.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Avevo già letto il suo articolo, ma visto che l'imiquimod modifica la risposta immunitaria, le ho semplicemente chiesto se questo farmaco, in un paziente immunocompetente potesse avere aiutato il sistema immunitario a debellare l'infezione. Non mi riferisco alla lesione condilomatosa.

[#7] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
L'Imiquimod agisce sul sistema immunitario, ma nel senso di stimolarlo a combattere le lesioni; non aiuta nei confronti dell'infezione in sè.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#8] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Ho capito, ma visto che molti ginecologi affermano che l'infezione da hpv può guarire senza cronicizzare, cosa che invece non accade per il virus della Varicella, che una volta preso l'Herpes rimane a vita.

Se l'imiquimod ha una risposto eccellente, nel mio caso almeno, essendo un modulatore di risposta immunitaria; a rigor di logica vine da pensare che contribuisca alla "non cronicizzazione dell'infezione", affermazione continuamente riportata dalla straordinaria ginecologa:
Prof.ssa Alessandra Graziottin Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano.

https://www.youtube.com/watch?v=MN_VFVTNZTI


https://www.youtube.com/watch?v=EJQH1X3dGDc
(minuto 3.57)

La ringrazio per la pazienza, ma se Lei non sa rispondermi correttamente alla mia domanda non è un problema, stavo stavo solo cercando di capire cosa fare per non avere "ipoteche" sulla mia salute futura.

[#9] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Le ho scritto ciò che so, sul parere dei colleghi non saprei cosa dirle... Magari provi anche a postare questo suo quesito in area "Malattie Infetive"
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#10] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Va bene, grazie comunque per la pazienza.
Un carissimo saluto.

[#11] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Ma le pare!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#12] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Se fosse possibile avere l'opinione di un ginecologo o del dott.Laino in merito a questo consulto relativo all'infezione da hpv.

Il consulto inizialmente parte con un quesito relativo alla proctologia, ma dalla replica 4 si tratta di infezione da HPV.

Se potesse gentilmente rispondere una ginecologa o il dott.Laino, che in materia di hpv sembra molto preparato (leggendo gli articoli che pubblica).

Cordialmente e buon fine anno!

[#13] dopo  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Ho avvisato il dr. Laino con un messaggio privato: speriamo che possa accontentarla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#14] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Grazie, troppo gentile!

[#15] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Intervengo dopo gentile invito dell’amico e collega Stefano Spina:

Avrebbe la cortesia di fare la sua domanda di seguito? Fra commenti e ipotesi e stralci di straordinari colleghi non riesco a focalizzarla.

Grazie
Dr Laino
Prof. Dr. Luigi Laino Spec. in Dermatologia e Malattie Sessuali
Prof. Universitario a Contratto - Segreteria 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#16] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dott.Laino,
la domanda in poche parole è questa: " L'imiquimod, in un paziente immunocompetente, utilizzato per un mese dopo la diatermocoagulazione può aver eradicato l'infezione? Visto che nel mio caso il risultato è stato eccellente.

Perché quello che non capisco è questo?
- i dermatologi dicono che il virus rimane, anche se i condilomi sono guariti,
- i ginecologi dicono che la maggior parte delle donne, che contraggono l'infezione da Hpv a livello cervicale, anale o orale il sistema immunitario in alcuni mesi debella l'infezione senza cronicizzarla.

In conclusione, l'infezione da hpv viene spesso eradicata dal sistema immunitario, oppure si comporta sempre come i virus erpetici, che una volta presi rimangono a vita.

[#17] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Le rispondo segnatamente anche se qui in medicitalia ho scritto molto in merito:

L'imiquimod, in un paziente immunocompetente, utilizzato per un mese dopo la diatermocoagulazione può aver eradicato l'infezione? Visto che nel mio caso il risultato è stato eccellente.

- SI

- i dermatologi dicono che il virus rimane, anche se i condilomi sono guariti,

- VERO. La presenza dell’HPV è endocellulare allo stato latente a prescindere dalla replicazione infettiva (condilomatosi, verruche etc) così come accade per altri Virus (come HSV)

- i ginecologi dicono che la maggior parte delle donne, che contraggono l'infezione da Hpv a livello cervicale, anale o orale il sistema immunitario in alcuni mesi debella l'infezione senza cronicizzarla.

- FALSO; questa asserzione non è assoluta. Forse sempre così non ci sarebbero rischi di tumore cervicale o testa collo o non più infezioni.
Mi perdoni ma cosa significa poi “i ginecologi dicono”?
Questa è un’affermazione tendenziosa, non esistono diversità di pareri fra specializzazioni.

La realtà univocamente riconosciuta è la medesima:

Il virus può agire in 3 modalità:

1- essere eliminato dal sistema immune, spontaneamente o in modo farmacologico

2- rimanere allo stato cronico latente senza creare problemi

3- rimanere allo stato cronico e creare problematiche infettive (nel caso di ceppi che creano infezioni) o displastico/neoplastiche (nel caso di ceppi pro-oncogeni) grazie a due fattori preponderanti
a) permissivismo immunologico
b) presenza di alterazioni citoarchitetturali infiammatorie croniche (es cervicite cronica nella donna; rettocolite per il tratto ano-retto; alcol-fumo per il tratto oro-faringeo).

Alla sua ultima Domanda:

“In conclusione, l'infezione da hpv viene spesso eradicata dal sistema immunitario, oppure si comporta sempre come i virus erpetici, che una volta presi rimangono a vita”

R: Ho già risposto.

Saluti
Dr Laino
Prof. Dr. Luigi Laino Spec. in Dermatologia e Malattie Sessuali
Prof. Universitario a Contratto - Segreteria 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#18] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Ho capito,

è stato chiarissimo, ma allora che differenza cè fra infezione eradicata se poi lei dice che il virus rimane
a livello endocellulare.
Se l'infezione viene eradicata dall'immunità dovrebbero venire eliminate anche le cellule che hanno l'hpv a livello endocellulare.

Ovviamente non mi riferisco alle sciocchezze che propongono i medici di medicine non convenzionali, che sul tema infezione da hpv e virus hsv bisogna tenersi dal non ridere..perdoni la franchezza...

[#19] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
è stato chiarissimo, ma allora che differenza cè fra infezione eradicata se poi lei dice che il virus rimane
a livello endocellulare.


R: perché c'è un'enorme differenza fra SEMPLICE presenza del virus (normalissima - essendo presente in circa 150 ceppi nell'uomo) e MALATTIA da HPV (per malattia intendiamo infezioni da HPV come condilomatosi e verruche o displasia/neoplasia mediata da HPV)

Il fatto che si viva con questo virus non significa essere malati.

Come sempre dico:

<>

Questo un mio articolo che aiuterà chi ha ancora confusione in questo tema

http://www.medicitalia.it/minforma/dermatologia-e-venereologia/602-fa-hpv-uomo-donna.html

Dr Laino
Prof. Dr. Luigi Laino Spec. in Dermatologia e Malattie Sessuali
Prof. Universitario a Contratto - Segreteria 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#20] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Mi spiace "romperle le scatole", ma è lei che non ha capito la mia domanda.
L'articolo che lei ha pubblicato l'ho letto più volte e con interesse.

"E' contraddittorio che lei prima mi scriva di eradicazione del virus, se poi mi dice che il virus resta presente?"

Perchè se fosse così, allora una persona che ha contratto l'infezione e poi l'ha eradicata spontaneamente con 'immunità; se il virus resta c'è comunque la possibilità un domani di sviluppare delle alterazione tumorali.

Comunque non fa nulla, non era mio interesse "rompere le scatole" con queste domande l'ultimo dell'anno, tra l'altro a titolo gratuito.

Un grande grazie sia a lei sia al suo collega dott.Spina, che mi avete risposto con professionalità e senza pregiudizi, visto l'argomento trattato.

11 anni fa quando ho curato i condilomi, ero molto giovane e studente, non dichiarato e i condilomi non sapevo neanche cosa fossero. Ho dovuto pagare un dermatologo in privato (con i pochi soldi che avevo) gestendo una lunga terapia tutta di nascosto..

[#21] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Guardi, ho scritto in Italiano molto chiaramente.
Nessuna parla di eradicazione del virus (follia solo pensarlo) ma cura e semmai eliminazione delle lesioni infettive/dosplastiche e causate dal virus. La cosa è ben diversa!

Credo di averlo scritto molte volte è chiarito nell’articolo Indicatole. Se non riesce ancora a capire questo concetto, mi spiace ma non so proprio come aiutarla oltremodo.

Cari Saluti (è buona regola aggiungerlo sempre).

Dr Laino
Prof. Dr. Luigi Laino Spec. in Dermatologia e Malattie Sessuali
Prof. Universitario a Contratto - Segreteria 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#22] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Senta, non sono scemo.
Quindi dal suo punto vista, se io facessi un VIRAL HPV-DNA a livello peri.anale dopo 11 anni dalla guarigione della condilomatosi dovrei risultare positivo?

[#23] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Ultima domanda poi chiudiamo l'argomento..è stato anche troppo paziente e disponibile.

Gentilmente potrebbe spiegarmi come mai i dermatologi dicono che una volta che il paziente è guarito da una condilomatosi, i condilomi non si ripresentano più?
Perchè se l'hpv, giustamente, non è eradicabile un paziente potrebbe avere un recidiva di condilomi anche dopo anni dalla guarigione se il virus è rimasto nella mucosa; magari per una temporanea immunodepressione.
Un po' come per l'herpes labiale.

Mi spiace molto essere stato fastidioso nel chiederle queste cose, ma mi piace prendermi cura del mio corpo ed essere informato su tematiche che non posso certo chiedere al curante o al primo dermatologo che capita.

[#24] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Mi scusi dott. Laino potrebbe rispondere ai mie due ultimi quesiti che le ho posto per cortesia?

1) Se io facessi un VIRAL HPV-DNA a livello peri.anale dopo 11 anni dalla guarigione della condilomatosi dovrei risultare positivo?

2) Se l'hpv, giustamente, non è eradicabile: "Un paziente potrebbe avere un recidiva di condilomi anche dopo anni dalla guarigione?
Magari per una temporanea immunodepressione..un po' come per l'herpes labiale?

Grazie

[#25] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Dott.Laino..scusi...permette?!
Troppa fatica rispendere alle mie ultime due domande conclusive?

Fra l'altro, da un altro profilo, le avevo posto anni fa un quesito sul farmaco Propecia e sulle motivazione della non ricrescita dei capelli, dopo un trattamento di due anni, ricordo che lei mi aveva scritto un poema sull'aggiunta di terapie infiltrative, controlli trimestrali, pazienti con risposta fino a sterile al finasteride (che non ho ancora capito cosa volesse dire con risposta fino a sterile..si rivolga con termini non cosi tecnici! Io non sono mica un suo collega! Senza POI rispondere alla domanda fondamentale:

1) E' normale che propecia (farmaco più potentente) non abbia fatta alcun effetto in due anni?

2) Hpv: se io facessi un VIRAL HPV-DNA a livello peri.anale dopo 11 anni dalla guarigione della condilomatosi dovrei risultare positivo?


3) Un paziente potrebbe avere un recidiva di condilomi anche dopo anni dalla guarigione?
Magari per una temporanea immunodepressione..un po' come per l'herpes labiale?


RISPONDA!!!

Una cortesia allo staff:" Alle mie 2 due ultime domande relative all'infezione da hpv potrebbe rispondere un altro medico (proctologo, ginecologo o dermatologo)? Così chiudiamo definitivamente questo consulto.