È dimostrato che un moderato consumo di alcol esercita un'azione protettiva in termini di rischio cardiovascolare. Sebbene questa proprietà non sembri essere specifica per le bevande, la diversa composizione dei composti alcolici potrebbe mediare effetti peculiari in vivo.

Lo scopo di questo studio era di valutare i potenziali effetti mediati dalla birra sulla salute cardiovascolare nell'uomo, usando un approccio meta-analitico (numero di registrazione dello studio: CRD42018118387).

La ricerca bibliografica, che comprende tutti gli articoli inglesi pubblicati fino al 30 novembre 2019 nel database EMBASE, PubMed e Cochrane, includeva tutti gli studi clinici controllati che valutavano gli effetti cardiovascolari dell'assunzione della birra rispetto a birra senza alcool, acqua, astinenza o placebo.

Entrambi i sessi e tutti i preparati di birra erano considerati ammissibili. I parametri di esito erano quelli che entravano nelle carte del rischio cardiovascolare e quelli relativi alla disfunzione endoteliale. Ventisei studi sono stati inclusi nell'analisi. Il colesterolo totale era significativamente più alto nei bevitori di birra rispetto ai controlli (14 studi, 3,52 mg / dL, 1,71-5,32 mg / dL).

 

Livelli aumentati simili sono stati osservati nel colesterolo lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) (18 studi, 3,63 mg / dL, 2 - 5,26 mg / dL) e nell'apolipoproteina A1 (5 studi, 0,16 mg / dL, 0,11-0,21 mg / dL), mentre non sono state rilevate differenze nel colesterolo lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) (12 studi, -2,85 mg / dL, -5,96-0,26 mg / dL) e trigliceridi (14 studi, 0,40 mg / dL, -5,00-5,80 mg / dL) livelli.

La dilatazione mediata dal flusso (FMD) è risultata significativamente più alta nei consumatori di birra rispetto ai controlli (4 studi, 0,65%, 0,07-1,23%), mentre la pressione sanguigna e altri marker biochimici di infiammazione non differivano.

 In conclusione, l'effetto specifico della birra sulla salute cardiovascolare umana è stato meta-analizzato per la prima volta, evidenziando un miglioramento dell'elasticità vascolare, rilevato dall'aumento della dilatazione arteriosa (dopo assunzione acuta) e del profilo lipidico con un significativo aumento di Livelli sierici di HDL e apolipoproteina A1. Sebbene gli effetti a lungo termine del consumo di birra non siano ancora compresi, si dovrebbe supporre un effetto benefico della birra sulla funzione endoteliale.

 

Conclusioni personali:

La funzione erettile è spesso lo specchio della salute endoteliale vascolare del nostro corpo. Ne consegue che migliorando quest’ultima miglioreremo la perfusione dei corpi cavernosi.