Sildenafil viagra alzheimer

Viagra e morbo di Alzheimer

Dr. Giovanni Beretta Data pubblicazione: 10 gennaio 2022

Il Sildenafil o Viagra può essere utilizzato anche come strategia nel prevenire e nel trattare il morbo di Alzheimer; tutto ciò sembra emergere da uno studio, condotto da alcuni ricercatori della Cleveland Clinic, i cui risultati sono stati ora pubblicati su "Nature Aging”.

Gli utilizzi del Sildenafil anche per l'Alzheimer

Il Sildenafil, più noto commercialmente come Viagra, è un farmaco proposto inizialmente per trattare alcune cardiopatie, ma poi, viste le sue risposte cliniche particolari, utilizzato in molti casi quando si è in presenza di un disturbo dell’erezione.

La malattia di Alzheimer è ancora un problema clinico complesso, considerato come incurabile, che determina un progressivo deterioramento delle capacità del sistema nervoso centrale che coinvolgono le nostre capacità cognitive; tutto questo sembra essere legato all’accumulo anomalo di proteine nel cervello che porta a placche di beta-amiloide e a ”grovigli” neurofibrillari di proteine TAU.

Questa nuova ricerca ha identificato il Sildenafil, che è già una terapia approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) per le problematiche erettive e per l'ipertensione polmonare, come un farmaco capace aiutare a prevenire e curare il morbo di Alzheimer.

Cosa dicono i test effettuati?

I test fatti suggerirebbero che il farmaco prende di mira alcune delle proteine che si accumulano in questo tipo di demenza.

I ricercatori di Cleveland hanno analizzato un database di 7 milioni di pazienti ed hanno scoperto che gli uomini che assumevano il farmaco avevano un rischio inferiore di presentare la malattia di Alzheimer.

Secondo i risultati pubblicati su "Nature Aging", il team di ricerca del Genomic Medicine Institute della Cleveland Clinic ha utilizzato la metodologia computazionale per esaminare e convalidare i farmaci approvati dalla FDA come potenziali terapie per l’Alzheimer e attraverso un'analisi su larga scala su un campione appunto di oltre 7 milioni di pazienti, hanno visto che il Sildenafil è associato a una riduzione del 69% dell'incidenza della malattia di Alzheimer, indicando quindi la necessità di test clinici mirati di follow-up per valutare anche l'efficacia del farmaco nei pazienti con la malattia.

I risultati più significativi della ricerca della Cleveland Clinic hanno messo in evidenza che alte dosi del farmaco ridurebbero l'accumulo di proteine anomale nel sistema nervoso centrale.

È stato pure osservato che i pazienti che erano in trattamento con Sildenafil per altri motivi avevano meno probabilità di sviluppare l'Alzheimer rispetto a quelli che non assumevano questo farmaco, ciò sulla base di dati medici personali che coprivano sei anni di vita e che hanno interessato sempre più di sette milioni di individui.

I risultati sembrerebbero incoraggianti, ma hanno ancora bisogno di ulteriori verifiche; si sta infatti ora conducendo uno studio clinico randomizzato di fase II per confermare questi eventuali benefici clinici contro l'Alzheimer legati all'uso del Sildenafil.

Per approfondire:Un nuovo farmaco per la cura dell'Alzheimer

Fonte:

Altre informazioni:

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

L'Alzheimer è una malattia degenerativa che colpisce il cervello in modo progressivo e irreversibile. Scopri sintomi, cause, fattori di rischio e prevenzione.

Leggi tutto

Guarda anche alzheimer 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati