Burn out, l'OMS lo riconosce ufficialmente

Dr. Domenico SpinosoData pubblicazione: 29 maggio 2019

L’Organizzazione Mondiale Sanità dopo decenni di studi ha incluso il burn out nell’11esima revisione dell’International Classification of Diseases (ICD-11) come un fenomeno occupazionale (stress da lavoro).

In una prima stesura era stata classificata come una condizione medica. Questa classificazione oggi è stata rettificata.

Il burn out è quella che viene definita sindrome da lavoro o da non lavoro (disoccupazione).

L’OMS ha anche dato indicazioni ai medici per diagnosticarla.

Si può essere affetti da burn out (letteralmente «esaurimento», «crollo») di fronte a sintomi come mancanza di energia o spossamento, aumento dell'isolamento dal lavoro o sensazioni di negatività e cinicismo legati al lavoro, diminuzione dell'efficacia professionale.

Nel 2017 la collega Adelia Lucattini, psichiatra, ha pubblicato un interessante articolo sul burn out a cui rimando per avere un quadro pienamente esaustivo su questa sindrome.

https://www.medicitalia.it/blog/psichiatria/7077-burn-out-e-esaurimento-nervoso-i-nemici-invisibili-del-benessere-psicofisico.html

Autore

domenicospinoso
Dr. Domenico Spinoso Medico del lavoro

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1988 presso Università degli Studi di Messina.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Reggio-Calabria tesserino n° 5956.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Medicina del lavoro?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio