Utente 432XXX
Vorrei sapere se gli integratori per migliorare l'erezione e la libido a base di Rhodiola rosea, Damiana, Noce Moscata, Zafferano, Liquirizia, Pino, Ginseng, Ortica, Polygala comosa, arginina possono danneggiare lo sperma e creare in caso di gravidanza malformazioni nel feto o nell'embrione, malformazioni quali sindrome di down, displasie scheletrie, nanismo ecc.
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si pasticci da solo e comunque, se le indicazioni ricevute sono state date da andrologo esperto, questi pericoli , da lei temuti, sono da escludere.

Se desidera poi avere altre informazioni si legga comunque anche questa mia news:

https://www.medicitalia.it/blog/andrologia/1580-fitoterapie-deficit-erezione.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 432XXX

Ho letto gli articoli che mi ha postato, quindi esclude che gli integratori possano essere nocivi e causare danni al feto o malattie rare.

[#3] dopo  
Utente 432XXX

C'è qualche altro andrologo potrebbe rispondere al mio quesito? Esistono studi in merito?

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo io le posso ribadire:

"Tra gli estratti ed i composti vegetali, studiati per cercare di risolvere e trattare un problema erettivo, sono da ricordare la Panax Ginseng, la Butea Superba, l’Epimedium Herbs, il Tribulus Terrestris, la Securidaca Longipedunculata, il Piper Guineense e la Yohimbina.

Di questi solo per la Panax Ginseng, la Butea Superba e la Yohimbina si hanno studi e lavori scientifici pubblicati e significativi su umani ma nessuno di questi presenta un'importante e “robusta” casistica.

Molto sinteticamente possiamo dire che numerose indicazioni fitoterapiche sembrano ancora oggi avere un potenziale benefico effetto sulla risposta sessuale maschile ma dobbiamo ricordare che queste sostanze necessitano ancora di ulteriori e più approfonditi studi, anche per valutarne i potenziali rischi e gli effetti collaterali."

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com