Utente 225XXX
Buongiorno,

a seguito di una prostatite abatterica che mi perseguita da ormai 2 anni, ho trovato benefici mediante la non assunzione di determinati alimenti come: alcool, dolci, bevande gassate, spezie, pepe,latte e latticini, fritti caffè ecc e assunzione di supposte naturali ( bromelima, boswelia ecc ). I sintomi riportati sono: deficit erettile, calo libido e dolore post eiaculatorio. Con queste accortezze, riesco ad avere benefici che risolvono all'incirca il 35-40% (i problemi però permangono ).

Ho provato ad assumere anche il prostamol. Con il protamol ho avuto un aumento della libido e dell'erezione. Il problema è che assumendo il prostamol, i dolori post eiaculatori sono forti, come quando se assumessi i cibi riportati sopra. Cosa mi converebbe fare?

Esami quali spermiogramma, coltura, test stamey, eco trans, sono tutti negativi.

Cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da questa postazione, il consiglio che sempre diamo è quello di non pasticciarsi e di sentire in diretta il suo andrologo ed urologo di riferimento.

Da questa postazione infatti, senza poter fare una attenta e diretta valutazione clinica specialistica, niente di mirato e corretto le possiamo dire sui suoi particolari e complessi sintomi apparentemente scatenati da un integratore!

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 225XXX

Gentile dottore grazie per la sua risposta,

Purtroppo, sia per gli alimenti che per gli integratori e se questi ultimi irritano ( non so cosa ), il tutto si riversa sulla mia sintomatologia prostatica. Non riesco a capire com'è possibile però tale cosa.. cos'è che va ad irritare la mia patologia ( prostatite? ) e per quale motivo ciò avviene ( infiammazioni intestinali? )

Gli esami sono tutti perennemente negativi.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In queste problematiche non sottovaluti le "infiammazioni intestinali"!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 225XXX

La Serena, quindi, è come se andasse a irritare l'intestino portando allo stesso tempo benefici su parte della sintomatologia prostatica e allo stesso tempo problemi su parte della sintomatologia prostatica.?

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La Serenoa Repens non è nota per dare "ad irritare l'intestino"!

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 225XXX

Gentile dottore, la ringrazio per la sua ultima risposta.

Le vorrei porre un ultimo quesito.

La serenoa è davvero in grado di curare una prostatite? come rimedi naturali, si hanno più casistiche positive nell'utilizzo di quest'ultima o della quercetina? Che ne pensa della serenoa a supposte?

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

tutte le soluzioni terapeutiche, da lei indicate, hanno indicazioni cliniche che si avvicinano e anche i risultati che si ottengono sono molto simili.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 225XXX

Gentile Dott. Beretta,
Grazie ancora per le sue precise risposte.

Un cordiale saluto.