Utente 155XXX
Egregi specialisti,

Circa 7 mesi fa ho iniziato a sentire un modesto dolore al testicolo sx e nei giorni successivi ho notato di sentire lo stimolo alla Minzione molto impellente e molto molto frequente e di accusare anche un dolore alla parte bassa dell'addome,direi sopra il pube sempre a sinistra. Sono andato da un andrologo, il quale dopo anamnesi e esame digitorettale mi ha diagnosticato una prostatite infiammatoria di modesta entità.
Ho assunto 20 supposte di topster divise in 10gg al mese per due mesi e un integratore. La cura ha dato ottimi risultati, tanto che non ho accusato più alcun sintomo.
Premetto che non ho mai avuto né bruciore, ne problemi di erezione, né altri dolori.
Per maggiore sicurezza ho eseguito un ecografia vescicoprostatica e testicolare nella quale è stata notata una iniziale vescica da sforzo, una cisti di 8mm nel testicolo sx e una modesta infiammazione dei dotti spermatici. L'andrologo che mi ha fatto l'ecografia mi ha prescritto un'altra settimana di topster e sempre l'integratore.
La situazione è migliorata finché due mesi fa (In concomitanza però ammetto con un evento molto stressante) ho riniziato a sentire il bisogno di urinare in maniera ancora più forte di prima, tanto da dovermi fermare in un bar a volte perche non riuscivo a trattenerla. Ho anche notato che il dolore al testicolo e all'addome ogni tanto si ripresenta, soprattutto dopo un'attività sessuale intensa (se magari faccio sesso 3 o 4 giorni di seguito). E soprattutto se faccio sesso anale passivo (che faccio raramente), durante il quale ho notato che il dolore è intenso per un paio di giorni e l'eiaculazione mi sembra diversa, sia in quantità (minore) che in intensità (getto). Ho ricominciato ad assumere l'integratore e la Minzione è leggermente migliorata, ma sento di non stare sncora bene. Può essere che una prostatite faccia così fatica ad andarsene? Secondo voi è il caso di rifare qualche controllo? Grazie per il vostro tempo e la vostra attenzione

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

è vero: "può essere che una prostatite faccia fatica ad andarsene..."

Senza drammi e furie inutili eventualmente risenta in diretta il suo urologo od andrologo di fiducia.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, o riconsultare, se già fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

https://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 155XXX

Grazie Dottore per la sua gentile risposta,
Ho letto gli articoli che mi ha linkato e diciamo che molto di quello che ha scritto mi è stato detto anche dal mio andrologo di fiducia, che risentiró presto, proprio perché questo sintomo della Minzione impellente è abbastanza spiacevole da gestire soprattutto a 28 anni.
Ma si guarisce mai da questa infiammazione? Ed il fatto che i sintomi perdurino sta a significare che la malattia avanzi in gravita dia degli ulteriori eventuali problemi?
Grazie tante e buona giornata

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Risolto il problema infiammatorio i sintomi generalmente cessano!

Sempre seguire attentamente tutte le indicazioni, anche quelle dietetiche e comportamentali, che il suo andrologo le darà.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com