Utente 472XXX
Salve a tutti, sono un ragazzo di quasi 17 anni e ormai da un anno mi ritrovo a far fronte al liquido seminale presentante dei grumi gialli gelatinosi. Premetto che prima dell'estate ho fatto una visita da un urologo , il quale ha eseguito un'ecografia prostatica. Il risultato mostra che riporto un lieve varicocele al testicolo sinistro, ma nulla di preoccupante: l'urologo mi rassicura dicendomi non va toccato e, relativamente ai grumi nel liquido seminale, mi prescrive una cura a base di integratori alimentari per tre mesi che, ahimè, non riesce a risolvere il problema. Realizzo anche uno spermiogramma il cui esito è negativo. Dopo l'estate, oltre i grumi, noto una lieve difficoltà nella minzione terminale(per farmi capire meglio, è come se restassero delle gocce al termine della minzione accompagnato talvolta da un lieve fastidio). Inoltre, dopo le eiaculazioni, noto che per il glande si diffonde un generale rossore a chiazze il quale non mi comporta però alcun fastidio. Recentemente, preso dall'ansia che questi sintomi potessero far parte di qualcosa di preoccupante, riferisco ai miei di voler eseguire ulteriori esami, al che eseguo una urinocoltura e un esame colturale del liquido seminale. Gli esiti dei due esami sono negativi, il che mi rasserena parecchio. Rimane comunque il problema dei grumi che il dottore del centro a cui mi sono rivolto per svolgere gli esami non è in grado di spiegarmi, dato che non riporto alcun tipo di infezione. L'esame colturale, tuttavia, presenta un'unica nota ovvero ''Sviluppo flora polimicrobica non significativa" (presumo trattasi dei grumi). In conclusione, ecco le mie domande: di cosa si potrebbe trattare? Cosa potrei fare in casa oltre ad aumentare l'idratazione (attualmente circa 2L al giorno) e la frequenza eiaculatoria? Grazie in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, se lo spermiogramma la visita e L ecografia sono normali, quei grumi non destare preoccupazione trattandosi di una caratteristica piuttosto che una patologia. Agrumi e ananas in quantità aiutano. La minzione terminale difficile con tutto negativo faccio un po' fatica a capire. Prima di sparare la solita roba da medico: questione di testa, faccia iroflussometria e ne parli col collega
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Grazie per la risposta. Il lieve fastidio che ogni tanto mi si presenta nella minzione terminale non mi preoccupa più di tanto, aspetterò un po' per vedere le cose come vanno. Per quanto riguarda i grumi, fino a un anno fa non ne riportavo per cui credo che in qualche modo si possa riportare il liquido seminale alla sua natura originaria. Se ha qualcos'altro da suggerirmi mi farebbe davvero piacere, vorrei eliminare questo piccolo ''problema''. Grazie in anticipo.

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
[#4] dopo  
Utente 472XXX

La disturbo momentaneamente un'ultima volta. Magari devo incrementare la quantità di agrumi nella mia alimentazione e bere più acqua oltre che migliorare lo stile di alimentazione? A questo punto credo sia una cosa legata a quest'ultima. Ancora grazie in anticipo.