Utente 428XXX
Buonasera, ormai più di un anno fa ho scoperto di avere pochi spermatozoi. Negli esami che ho fatto
questi sono variati tra i 200mila e 500 mila. Allora, sotto il consiglio del mio andrologo ho fatto sia esami genetici
che, più volte ,esami ormonali. Quelli genetici non hanno rilevato nulla di anormale, quelli ormonali
sono i seguenti.

TSH 3.430

FSH 7.20

TESTOSTERONE 337.00

LH 4.05

Da tenere presente che due mesi fa avevo rifatto gli esami e il testosterone era 212. Mentre
3 anni fa 437. Mi sembra comunque basso. Ed è normale un continuo abbassamento?


Vista la situazione ho deciso di eliminare il varicocele, operandomi a ottobre 2017.
Questo era comunque di 2° grado a sinistra e quindi con ogni probabilità non la causa. Al momento dell'operazione
ho fatto una biopsia di entrambi i testicoli per verificare la situazione.Il risultato è il seguente:

"Biopsie testicolari di sinistra e destra con atrofia della spermatogenesi con rispettivamente
6,7 e 4(il Mean Johnsen's score per una normale spermatogenesi è di punti 8,9-10)"

Da questi risultati si nota una deficienza. Ma specialmente quello di sinistra è messo così male?
Non dovrebbe essere maggiore la produzione?

Da poco e cioè a circa 5 mesi dall'operazione ho rifatto lo spermiogramma e il numero di spermatozoi è adesso 0.
Fortunatamente ho fatto la crioconservazione prima dell'intervento
Considerando il risultato della biopsia e degli esami ormonali (testosterone basso), secondo voi
quale potrebbe essere la causa? Ho una sola speranza che la mia situazione possa cambiare? Il mio andrologo mi ha parlato di una possibile necrosi che causa una distruzione delle cellule. Non so che pensare.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

la presenza di una criptozoospermia o azoospermia è sempre un problema clinico complesso che può essere compreso solo insieme al suo andrologo in diretta.

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com