Utente 492XXX
Ciao, siamo una coppia di 27 anni e da oltre 2 siamo in cerca di una gravidanza. Nel tempo ci siamo sottoposti a diversi esami, per quanto riguarda me ho eseguito visite ginecologiche, papà test, ecografie tv, dosaggi ormonali e controlli ovulatori e tutto è risultato nella norma. Quella del mio compagno invece è una situazione più complessa, ha eseguito un ecografia testicolare per un sospetto di varicocele ma quest’ultima è stata negativa per la patologia sospettata. Ha fatto inoltre n.3 spermiogramma:
Il primo poco con risultati nettamente inferiori ai valori di riferimento ma nel pomeriggio dello stesso giorno ha avuto la febbre quindi ci è stato dello che l’alterazione può aver influito sui risultati.
Il secondo spermiogramma ha evidenziato poco volume, un numero di spermatozoi poco sopra la media (70.000.000 sia per numero/ml che per totale eiaculato), 50% di forme atipiche e zone di spermioagglutinazione.
A questo punto il ginecologo ci ha prescritto degli integratori, a me inofolic e a lui androsirol. Dopo due mesi di assunzione ha fatto di nuovo lo spermiogramma sembra sia addirittura peggiorato: poco volume, viscosità diminuita, concentrazione ml 47.300.000, concentrazione/eiaculato 56.760.000, 84% di forme atipiche. Fattore in comune dei tre esami è la presenza di leucociti sopra la media. Allo spermiocoltura è risultato positivo all’enterococco faecalis. A questo punto vi chiedo:
È possibile che ci sia un infezione da due anni senza sintomi (lui sta benissimo)?
È possibile che questo batterio influisca sul concepimento?
Se lui è positivo a questo batterio è possibile che anche io abbia l’infezione?
Vi ringrazio anticipatamente per i chiarimenti che certamente ci darete.

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PERUGIA (PG)
ROMA (RM)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve
le risposte ai suoi quesiti sono tre si. Tuttavia non riporta il valore della motilità rapida e progressiva degli esami seminali eseguiti che è un valore correlato alla possibilità di gravidanza spesso più importante di concentrazione e forme normali.
S.Fecalis e leucociti alti depongono per una possibile prostatovescicolite batterica che andrebbe trattata.
cordialmente
Dr Giulio Biagiotti
www.andrologiaonline.net

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Salve dottore, le risposto i valori della motilità;
Novembre 2017
Valore 80 - Normocinesi a 2h > 40
Immobili 20
Agitati in loco 0
Lentamente progressivi 10
Tipica 70

Aprile 2018
Studio motilità (1^ora)
Motilità progressiva 17%
(valori di riferimento: 5^ Percentile: 32%, 50^ percentile: 55%, 95^ Percentile: 72%)
Motilità totale: 41%
(valori di riferimento: 5^ Percentile: 40%, 50^ percentile: 61%, 95^ Percentile: 78%)

Cosa ne pensa?
Grazie ancora