Utente 429XXX
Salve , sono un ragazzo di 21 anni che sta accusando sintomi abbastanza fastidiosi , penso che tutto sia iniziato qualche mese fa dopo che durante un rapporto un attimo prima l eiaculazione ho sentito un dolore molto forte al testicolo sx che si irradiava al basso ventre , poco dopo peró il dolore era scomparso , fatto sta che nei giorni a seguire sono stato bene e non ho dato peso alla cosa peró mi è capitato che durante la minzione non appena finito l atto ho sentito lo stesso dolore al testicolo che avevo provato con la sensazione che si irradi anche sull interno coscia.
Ora è da un paio di mesi che durante l eiaculazione o minzione non accuso quei dolori ma se sono steso e per sbaglio tocco il testicolo sx con la gamba sento dolore sopportabile ma fastidioso , la cosa strana è che ho provato ad autopalpare la zona in piedi ma non provo dolore.
Aggiungo che in queste settimane la minzione sia piú frequente del solito e che sento spesso un dolore al basso ventre sulla parte sinistra.
Cosa potrebbe essere? Intanto vi ringrazio per eventuali risposte e buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

purtroppo in presenza di queste situazioni cliniche complesse ed intricate, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo reale problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico e poi dare anche una corretta prognosi.

Se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche di natura andrò-urologica le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo od urologo ed aspettare quello che lui ci dirà a valutazione clinica terminata.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com