Utente 256XXX
Buongiorno dottori,
Dopo un anno di tentativi infruttuosi nella ricerca di una gravidanza, mio marito ha effettuato uno spermiogramma computerizzato. Il risultato è stato nefasto: Azoospermia, dopo centrifugazione ed osservazione del sedimenti non sono stati trovati elementi della linea germinale.
Aspetto trasparente giallastro, liquefazione fisiologica, viscosità diminuita, agglutinazioni e aggregazioni assenti, ph 7.9 e volume 2.1, cristalli rari e leucociti inferiori a 1.
Abbiamo preso appuntamento con un andrologo ma siamo sconcertati. Mio marito si è sempre sottoposto a visite andrologiche e non gli sono mai stati diagnosticati problemi evidenti nonostante sia diabetico di tipo 2, iperteso e abbia 38 anni.
Vorrei capire se questo esame è una condanna come minimo ad un percorso di procreazione assistita o fecondazione eterologa oppure se esistono possibilità con terapie farmacologiche o altro di procreare naturalmente. Spero possiate darmi una risposta poiché al momento non avendo ancora figli ci sentiamo davvero sconsolati, grazie.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

in queste situazioni complesse e non facili, mai fermarsi al primo esame del liquido seminale.

Ora bisogna arrivare a capire la causa di questa dispermia.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com