Utente 184XXX
Gent.li dott.ri, vi chiedo un parere in merito ad un problema che mi affligge da qualche tempo.
In breve, da circa un anno e mezzo, ho perso lo "stimolo sessuale". Preciso di avere 28 anni e prima di questa fase avvertivo in maniera incontenibile l'esigenza di avere un rapporto sessuale con la mia compagna, erezioni regolari, masturbazioni regolari, anche 1 volta al giorno.
Da circa 1 anno, invece, lo stimolo sessuale è andato via via scemando, al punto tale che se non vengo eccitato oppure non mi sforzi volutamente potrei tranquillamente stare senza avere la necessità di rapporti sessuali. Tendenzialmente diciamo che riesco ad avere erezioni, ma mi manca proprio lo stimolo, l'eccitazione da cui esso scaturisce (non so se riesco a spiegarmi).
Nel corso di circa 2 anni ho anche notato che il flusso di eiaculazione è diminuito.
Ora, non riesco proprio a capire le ragioni di questa mia condizione: ho pensato ad un periodo di stress che ho avuto a causa della morte di un familiare nel 2012 e ad una serie di vicessitudini che hanno interessato la mia famiglia; la situazione mi è sfuggita di mano a gennaio dello scorso anno, quando ho scoperto di essere affetto da azoospermia. Preciso, inoltre, che durante lo scorso anno mi sono sottoposto ad una cura di cortisone per curare una rettocolite ulcerosa e che, adesso, non assumo cortisone da circa 3 mesi.
Naturalmente tutta questa situazione si ripercuote sul rapporto con la mia compagna e io vorrei risolvere questo problema.
Mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha prescritto delle analisi ormonali, da cui i valori risultano in linea con quelli previsti dai rispettivi range di riferimento: mi ha comunque prescritto il testosterone in gel, dal quale ho tratto un beneficio molto blando e, comunque, interrotta l'assunzione, tutto è tornato come prima (sempre ammesso che il predetto effetto blando non fosse in realtà un effetto placebo).
Potreste fornirmi qualche suggerimento sulle possibili cause e come approcciarmi al problema? come si procede in questi casi?
Resto in attesa di Vostro riscontro nella speranza di qualche consiglio utile e, quindi, di un pò di conforto,
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Il concetto di "stimolo sessuale" è sempre di difficle definizione
può dipendere dal soggetto, dalla relazione, da ansia, da fenomeni fisici
il dato della azoospermia dovrebbe essere precisato meglio (azoospermia secretiva o ostruttiva??)
senta il suo specialista se sia il caso di effettuare un esame ecocolordoppler penieno per testare la sua funzione circolatoria
cordiali saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Per quanto riguarda l'azoospermia ho fatto una ecografia scrotale e una prostatica da cui non sono risultati problemi, per cui il medico suppone sua una azoospermia secretiva: è pur vero che gli esami ormonali rilevano un fsh nella norma, circostanza questa che di solito dovrebbe deporre a favore della azoospermia di tipo ostruttivo. Per quanto riguarda lo stimolo sessuale io ho supposto che la diminuzione sua dovuta all'assunzione di cortisone avvenuta per oltre 1 anno (seppure a cicli interni) per via della mia rettocolite ulcerosa. Il cortisone potrebbe essere la causa? Ed eventualmente come si procede in questi casi?
Grazie