Utente 266XXX
Buonasera,
causa dissecazione arteria vertebrale circa 4 anni fa, come terapia assumo triartec e cardioaspirina; volevo sapere se questi medicinali potevano avere dei riflessi per quanto riguarda la fertilità, visto che con mia moglie pensavamo di avere il secondo figlio (la bambina che è abbiamo è stata concepita prima del disturbo indicato e quindi prima dell'assunzione dei farmaci detti).
Inoltre, compatibilmente con i due farmaci, ci possono essere integratori consigliati o vietati per la finalità suddetta?
Grazie per la cortesia

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

nessuno dei farmaci, da lei indicati, a dosaggi mirati, dovrebbe darle seri problemi a livello della produzione dei suoi spermatozoi.

A proposito ha già fatto un esame del liquido seminale?

Ha già sentito in diretta un bravo andrologo esperto in patologia della riproduzione umana?

Detto questo lasci perdere l’uso di integratori il cui eventuale uso dovrà essere discusso in diretta sempre con il suo andrologo di fiducia dopo aver naturalmente fatto un preliminare esame del liquido seminale.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 266XXX

Buongiorno Gent. Dott.,
ringrazio vivamente della risposta.

A precisazione: medicinali assunti sono appunto triartec 2,5 mg e cardioaspirina 100.

Esame liquido di recente non effettuato (eseguito prima dell'altra gravidanza e tutto era regolare).

Medici specialistici del settore non ne conosco, ci sono riferimenti bella zona di Firenze dove abito? Anche strutture private in caso.

Grazie ancora per la gentilezza,
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sulla questione "indicare un collega" le dico che questa non è la sede per una informazione così particolare e non di interesse generale.

Questo quesito è bene porlo, in prima battuta, al suo medico di fiducia e poi comunque, in altre sezioni del nostro sito, può sempre trovare un aiuto più mirato alla sua domanda.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com