Utente 289XXX
Salve a 12 anni mi hanno circonciso riducendo di molto la sensibilità compromettendomi la sfera sessuale. oggi che ho 56 anni vedo ancora delle macchie scure su questo schifo che mi e rimasto cioè sul glande. mi viene solo il vomito guardarlo per quello che mi e rimasto. vorrei trapiantarmelo con un pene intatto e sentire tutte le funzionalità che comporta avere un vero pene. non mi interessano i benefici di questa chiavica che mi e rimasto. grazie

ho fatto anche visite psicologiche non serve a nulla

[#1]  
Dr. Gabriele Fontana

24% attività
16% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
PINEROLO (TO)
PIOSSASCO (TO)
SAVIGLIANO (CN)
ALBA (CN)
MARENE (CN)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2017
Prenota una visita specialistica
Salve,
meglio continuare con le visite psicologiche.
Dr. gabriele fontana
Dr. gabriele fontana

[#2] dopo  
Utente 289XXX

si fa a dire presto di continuare con le visite psicologiche. intanto anche i psicologi portando all'attenzione di questo problema, mi hanno confermato che e di natura organica .quindi mi hanno detto di agire su questo vomito che mi e rimasto dopo che mi hanno esportato il prepuzio grazie a mio padre che si meriterebbe tante cose per avermi rovinato.

[#3] dopo  
Utente 289XXX

voglio un trapianto di pene ,questo non lo voglio.

[#4] dopo  
Utente 289XXX

la cosa triste e vedersi abbandonato dopo aver subìto questo tipo di barbaria della circoncisione. tutta quella magia non c'è più quando sei con lei. il glande e desensibilizzato a causa della maledetta cheratina, non ho più il prepuzio che contengono tantissimi ricettori del piacere sessuale, io ne soffro molto per questo.

[#5]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
MANCIANO (GR)
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore

prima dello psicologo lei dovrebbe consultare un andrologo che possa vedere e valutare il suo pene, glande, prepuzio e possa consigliarle eventuali interventi correttivi o no
cordiali saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org