Utente 250XXX
Buongiorno, vorrei avere un parere sullo spermiogramma di mio marito.
Premetto che è da oltre un anno che cerchiamo una gravidanza e abbiamo entrambi 32 anni.
Non sappiamo bene se rivolgerci ad un andrologo (una situazione cosi è recuperabile in qualche modo per poi provare per via naturale?) oppure andare direttamente in un centro per PMA.
Inoltre immagino sia impossibile formulare una diagnosi senza una visita, ma cosa potrebbe essere? Mio marito non ha mai avuto alcun tipo di problema.
Grazie

ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE
VOLUME 1, 5 mL
Valori di riferimento relativi al 5 e 50 percentile (WHO 2010).
superiore a 1, 5 relativo al 5 percentile
superiore a 3, 7 relativo al 50 percentile

ASPETTO OPALESCENTE

CONCENTRAZIONE SPERMATOZOI 6, 0 10^6/mL
Valori di riferimento relativi al 5 e 50 percentile (WHO 2010).
superiore a 15 relativo al 5 percentile
superiore a 73 relativo al 50 percentile

N. TOTALE SPERMATOZOI 9, 0 10^6/eiac.
Valori di riferimento relativi al 5 e 50 percentile (WHO 2010).
superiore a 39 relativo al 5 percentile
superiore a 255 relativo al 50 percentile

pH 7, 8 (superiore a 7, 2)

FLUIDIFICAZIONE NELLA NORMA
Il processo di fluidificazione avviene normalmente in un tempo compreso tra 15 e massimo 60 minuti.

VISCOSITA' FISIOLOGICA

ANALISI DELLA MOBILITA' a 60 min
MOB. PROGRESSIVA 41, 0 %
MOB. NON PROGRESSIVA 12, 0 %
MOB. ASSENTE 47, 0 %
Valori di riferimento:
mob. progressiva maggiore-uguale a 32% e 55%
mob. progressiva + mob. non progressiva maggiore-uguale a 40% e 61%
WHO 2010 relativi al 5 e 50 percentile della popolazione fertile.

ANALISI DELLA MORFOLOGIA
FORME NORMALI 56, 0 % (superiore a 30)
FORME ATIPICHE 44, 0 % (fino a 70)
ATIPIE PREVALENTI DELLA TESTA
Valori di riferimento:
forme tipiche maggiori- uguali a 4% e 15%
WHO 2010 relativi al 5 e 50 percentile della popolazione fertile.

ALTRE DETERMINAZIONI
LEUCOCITI < 1 10^6/mL (fino a 1)
EMAZIE ASSENTI (ASSENTI)
CELLULE EPITELIALI ASSENTI
CORPUSCOLI PROSTATICI ASSENTI
ZONE DI SPERMIOAGGLUTINAZIONE RARE DI PICCOLE DIMENSIONI
ELEMENTI DELLA LINEA GERMINATIVA PRESENTI
LUOGO DI RACCOLTA LABORATORIO
GIORNI DI ASTINENZA 4

[#1]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
NAPOLI (NA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,i figli si cercano e si fanno in due,sia che la ricerca passi per la via naturale,che per il ricorso alla PMAI numeri e le percentuali espresse dagli esami,sena il supporto di una diagnosi andrologica,perdono molto delle capacità predittive circa il potenziale di fertilità.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 250XXX

La ringrazio per la risposta.
Non ho capito l'allusione al fatto che i figli si facciano in due. Che significa? Ovviamente lo spermiogramma era uno dei molteplici esami che il mio ginecologo ha richiesto per lo studio della fertilità di coppia, che dal punto di vista femminile è risultato tutto assolutamente normale.
Aggiungo inoltre che mio marito non ha alcun tipo di problema di salute, non fuma, normopeso, ottimo stile di vita, dieta regolare, sport ecc. Nessuno si aspettava questo risultato.
Ho solo chiesto se con uno spermiogramma del genere è possibile avere figli per via naturale oppure bisogna ricorrere necessariamente alla PMA.

[#3]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
NAPOLI (NA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...le ho sottolineato come,spesso,il partner maschile non venga visitato ed il quadro clinico venga gestito dal solo ginecologo.I numeri e le percentuali espresse dallo spermiogramma non offrono indicazioni sulla capacità fecondante biologica ma solo indicazioni statistiche sul potenziale di fertilità.Mi sembra paradossale pensare ad una PMA senza una diagnosi andrologica.Comunque,lo spermiogramma trasmesso non impedisce una gravidanza,sia spontanea che con il ricorso alla PMA.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#4] dopo  
Utente 250XXX

La ringrazio della risposta che ci ha rassicurato molto. Adesso possiamo aspettare i 10 giorni di attesa della visita andrologica con il cuore più leggero.
Approfitto della sua gentilezza per chiedere 2 cose che mi sono venute in mente:
1) come può leggere dai miei consulti precedenti, ho avuto in passato tamponi cervicali positivi per ureaplasma, con carica bassa, asintomatico. Abbiamo entrambi eseguito terapia antibiotica per scrupolo (il ginecologo non voleva neanche darmela per la carica bassa) per debellare il patogeno, che è sparito dal mio tampone cervicale molti mesi fa. È possibile che la mia infezione abbia danneggiato in modo permanente il seme di mio marito? Oppure che sia ancora latente causando il problema di numero degli spermatozoi? Ci sono segni di infezione in questo spermiogramma che devono essere approfonditi?
2) 2 mesi fa mio marito ha avuto un episodio di orticaria allergica (probabilmente da causa alimentare ma non si è capito molto bene) e ha dovuto prendere per alcuni giorni compresse di antistaminico. Può aver falsato il risultato dell'esame?
Grazie!

[#5]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
NAPOLI (NA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non esiste una correlazione di causu/effetto tra un'infezione da ureaplasma e spermatogenesi.Analoga valutazione per l'assunzione degli antistaminici.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it