Utente 439XXX
sono affetto da fibrillazione atriale e prendo regolarmente il pradaxa. Propongo i seguenti quesiti:
1) dovendo essere sottoposto a colonscopia quali precauzioni devo prendere
2) se posso svolgere attività sessuale (limitata peraltro dal fattore età)
3)fra i farmaci che assumo vi è anche il provisacor da 5 mg; lo prendo non perchè abbia problemi di colesterolo, ma
soltanto nella speranza che tale farmaco possa erodere o ridurre le placche e le incrostazioni delle arterie.
Vogliate confermarmi se è vera quet'ultima idea, oppure il provisacor potrebbe essere per me inutile o
addirittura nocivo.
4)Ci sono esami che possono prevenire tutti i possibili rischi (fra cui emorragie) derivanti dall'uso dell'anticoagulante.
5)Una volta, dopo cinquanta minuti dall'assunzione del pradaxa, mi sono rovesciato (non per colpa del pradaxa). Mi sono domandato:
avrò assorbito il pradaxa o è andato perduto col rifiuto? Presistendo i disturbi stomacali non ho fatto niente, aspettando
la prossima scadenza oraria per assumere il farmaco. Vogliate darmi opportuni e precisi chiarimenti in merito.
Ringrazio e porgo distinti saluti. VITTORIO GALATRO

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Le rispondo con ordine:

1- in caso di coloscopia occorre sospendere il Pradaxa solo 24 ore prima dell'esame eprche' in caso di necessita' di biopsie queste non potrebbero essere eseguite. Riprendera' il farmaco il giorno successivo all'esame

2- puo' tranquillamente continuare la sua attivita' sessuale

3- il Provisacor (farmaco eccellente) non ha alcun senso alla sua eta': non "erode " le placche , evita se mai la ulteriore deposizione su placche esistenti.

4- non ci sono esami ematochimici di routine da eseguire per valutare la efficacia del farmaco

5- non so cosa intenda dicendo che si e' rovesciatio....

cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 439XXX

GRAZIE per la cortese risposta. Desidero solo fare alcune precisazioni per avere risposte più adeguate.
Per quanto riguarda il quesito n.4, non mi riferivo alla verifica dell'efficacia del farmaco, ma i rischi che il farmaco può comportare (es. emorragie od altro). Conseguentemente volevo sapere se questi pericoli che vanno maturando possono essere accertativ ed individuati nel tempo, al fine di adottare eventuali contromisure terapweutiche.
per il quesito n.5 rintendevo significare, dicendo mi sobno rovesciato, che ho vomitato per bocca il cibo che avevo mangiato. E

[#3] dopo  
Utente 439XXX

GRAZIE per la cortese risposta. Desidero solo fare alcune precisazioni per avere risposte più adeguate.
Per quanto riguarda il quesito n.4, non mi riferivo alla verifica dell'efficacia del farmaco, ma ai rischi che il farmaco può comportare (es. emorragie od altro). Conseguentemente volevo sapere se questi pericoli che vanno maturando possono essere accertati ed individuati nel tempo, al fine di adottare eventuali contromisure terapeutiche, prima che si verifichino fatti più incresciosi..
per il quesito n.5 intendevo significare, dicendo mi sono rovesciato, che ho vomitato per bocca il cibo che avevo mangiato. E quindi come mi sarei dovuto regolare ( e come mi dovrò regolare per l'avvenire in caso di fatto analogo) in ordine alla terapia in atto del pradaxa.
GRAZIE E CORDIALI SALUTI

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dopo circa 50 minuti il farmaco dovrebbe essere gia' stato assorbito, quindi nessun problema.

Per cio' che riguarda le complicanze emorragiche queste sono ovviamenrte complòicanze possibili con i nuovi anticoagulanti orali, anche se le emorragie maggiori, quelle a rischio di vita, risultano essere minori rispetto al waerfarin (Coumadin) ma non prevedibili attraverso esami.

Inoltre il Pradaxa al momento e' l'unico tra gli anticoagulanti orali ad avere un "antidoto" che potrebbe essere iniettato in pronto soccorso in caso di emorragie gravi.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza