Utente cancellato
Salve Dottore. Sono un ragazzo di 24 anni, 75 kg per 180 cm, non fumo e ho praticato sport fino a 4 mesi fa. Le scrivo per spiegarle il mio problema. Dal 2012 ho sofferto di forti tachicardie, che in seguito ad accertamenti cardiologici effettuati anche a causa di casi per morte improvvisa in famiglia, si sono rivelate essere crisi di panico dovute alla troppa apprensione sulla questione cuore e familiaritá. Nel 2013 ho eseguito studio elettrofisiologico e test alla fleicainide per escludere problemi aritmici. Di seguito i risultati: studio elettrofisiologico eseguito con singolo, doppio e triplo extrastimolo negativo per induzione di aritmie ipercinetiche ventricolari. Test alla fleicainide: durante la somministrazione si sono presentate lievi modificazioni non suggestive per il pattern di brugada. Fui dimesso e iniziai a curare l'ansia e per due anni non ho più sofferto di quelle tachicardie. Ultimamente mi si sono ripresentare (mi sveglio di notte con crisi che mi portano ad avere 150/180 bpm, proprio come 4 anni fa) . Ho ripetuto ecg, eco e test da sforzo (partito già con un battito accelerato a causa dell'ansia ) tutti negativi e nei limiti della norma. Ora lei mi consiglia di ripetere anche holter 24h? Vorrei anche fare richiesta per ottenere i risultati dei test genetici effettuati durante il ricovero. La ringrazio anticipatamente per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
4% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Visto che anche lo studio elettrofisiologico è risultato negativo non 'è motivo per pensare che le sue tachicardie siano delle aritmie. Ne parli con il suo psicoterapeuta.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
436487

dal 2018
Grazie infinite per la tempestiva ed esauriente risposta. Buona giornata