Utente 404XXX
Buonasera Dottori,
ho il problema della tachicardia (90-100 bpm) ma senza avere la pressione alta. Sono stato da un cardiologo, il quale mi ha mantenuto la terapia uguale (cioè 50 mg di atenololo) ma le palpitazioni mi continuavano a dare fastidio. Così sono andato da un altro cardiologo, quello della mia città (l'altro era lontano dalla mia città), e questo mi ha aumentato l'atenololo a 100 mg dicendo che l'ivabradina viene data quando i betabloccanti non funzionano. Quest'ultimo ha detto che se la pressione scenderà troppo con 100 mg di atenololo, mi farà passare all'ivabradina (dovendo fare un ECG dopo una settimana dall'inizio dell'assunzione dell'ivabradina).

Ho dei pareri veramente contrastanti, e cerco di riassumerli in questo modo:
- l'ivabradina tratta la tachicardia dovuta ad ansia (la mia, perchè il mio cuore è pefettamente sano)?
- è necessaria una relazione particolare del cardiologo per farsela prescrivere dalla mutua?
- il mio medico di famiglia su prescrizione dell'ivabradina scritta dal mio psichiatra si rifiuta di prescrivermi il farmaco dicendo che si usa solo nel caso dell'angina (che io non ho)... cosa posso fare?
- il bisoprololo è più o meno bradicardizzante dell'atenololo? Ve lo chiedo perchè nel passaggio dall'atenololo a 50 mg all'atenololo a 100 mg ho preso - su consiglio del medico di base - il bisoprololo, prima a 5 mg e poi a 10 mg, ma non ha funzionato molto sulle pulsazioni.

Grazie per la vostra attenzione
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Diciamo subito che 50 mg di atenololo per i. Suo peso É un a dose da criceti ed inoltre il suddetto farmaco dura solo 12 ore e va quindi assunto due volte al di.
L Ivabradina É un farmaco mo,torno buono che non infl'utenza la pressione e riduce la frequenza cardiaca senza effetti collaterali.
Dica al suo medico di aggiornarwi perché la Ivabradina non viene prescritta solo in caso di aNina. ..e che i, farmaco É di classe A gratuito e senza piano terapeutico specialistico.

Detto tutto questo ritengo ridicolo trattare con farmaci j a ragazza della sua età con farmaci così complessi dati ksuoi modesti valori di frequenza.
Se proprio non l'isola, raccolta aumentila dose di beta bloccanti

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 404XXX

Buongiorno Dott. Cecchini, grazie per la risposta.
Ci sono alcuni passaggi che non riesco a capire a causa degli errori di battitura... potrebbe riscrivermeli per favore?

Mi può rispondere a queste domande?
- il bisoprololo è più o meno bradicardizzante dell'atenololo?
- l'ivabradina tratta la tachicardia dovuta ad ansia (la mia, perchè il mio cuore è pefettamente sano)?

Grazie
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi scusi per gli errori di battitura (mai scrivere in autobus e senza occhiali !!!)

Rispondo alle sue domande.
La bradicardizzazione del bisoprololo e' analoga a quella dell'atenololo ovviamente a dosaggi equivalenti, ma la risposta e' molto soggettiva.

L' ivabradina riduce la frequenza cardiaca che sia su base ansiosa o meno.

Ribadisco tuttavia che usare un farmaco di questo tipo per combattere l'ansia mi pare davvero ridicolo

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 404XXX

Ok, grazie per la risposta Dott. Cecchini... in un altro consulto lei ha scritto che l'ivabradina va bene tutte le volte in cui bisogna abbassare le pulsazioni senza abbassare la pressione, quindi anche in caso di ansia può essere usato tranquillamente o secondo lei è meglio provare prima i betabloccanti?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Le ho scritto già cosa penso.
La sua modesta tachicardia non richiede alcun trattamento se non piccole dosi di beta bloccanti.
Ma se lei non cura l ansia É del tutto inutile

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 404XXX

Ho 90-100 bpm con 50 mg di atenololo, altrimenti senza betabloccante i battiti stanno tra 100 e 120. L'ansia la curo anche con una benzodiazepina (2 mg Rivotril alla sera) oltre al classico antidepressivo SSRI Zoloft a 200 mg (sono in cura da uno psichiatra per l'ansia).

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Appunto i suoi valori di frequenza monnecesitano della ivabradina ma semmai di un aggiustamento del beta bloccante

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza