Utente 475XXX
Buongiorno. intorno settembre/ottobre per dei dolori al petto decisi di fare eco cardiogramma ed eco doppler a riposo ( ero sanissimo per il dottore, solo un lievissimo rigurgito mitralico, a cui il medico non diede affatto importanza data la scarsità di sangue che ritornava.) Mi fu semplicemente detto che i dolori potevano derivare probabilmente da problemi di postura. Inizio così a prendere varie accortenze
Da novembre invece ho dolori allo stomaco/pancia ( praticamente sotto all ombelico lato sinistro, ma qualche volta anche lato destro), spesso sento la pancia dilatata ( e sento come difficoltà a respirare in quanto non riesco a dilatarla).
Stesso a novembre sono andato da un medico, che mi prescrisse dopo avermi toccato e avendomi fatto male su tutti i lati della pancia mi prescrisse radiografia addome ( quella con il gel e non usci niente) e calprotecina fecale ( uscì a 160). Prima di portargli i risultati haimè cambiai medico perché per incontrarmi con lui ci sarebbe voluto troppo tempo e avevo dolori come descritto sopra poi le feci erano liquide o comunque non formate a macchie scure quando mangiavo verdura).
Consultando un altro gastroenterologo che toccandomi non mi faceva più male mi diede
neocarvi, dicalmir, oltre a marial ed esopral e dice che è solo nervosismo, però ora con le feci le verdure venivano espulse separatamente. Inizio a prendere varie tisane rilassanti.
La situazione non migliora molto ( riduco solo l ansia che mi viene pensando che nn sto bene..ma i dolori vanno e vengono )
Cambio medico, un ottimo gastroenterologo a mio avviso, che decide di farmi fare analisi VES ed un altra per il morbo di chron/ ed un altra infiammazione cronica dell intestino ( sto ancora aspettando il referto) e mi dice di fare la ricerca di sangue occulto nelle feci per 3 volte ( al momento ritirato il referto di solo 1 campione risultato negativo) ciò perché, secondo lui si tratta di "semplice" colon irritabile e vuole procedere per esclusione.
Vengo al dunque: ieri,intorno alle 14.00 mi ritrovo a farmi una corsa per salire tre piani a piedi, alla fine come è anche ovvio , mi batte forte il cuore ( forse un po' troppo, mi manca proprio il fiato, il cuore sembrava volesse uscire dal petto e mi bruciava). Tale situazione entro una 20ina di min si attenua ma non termina e la porto per tutta la giornata,( la pressione in farmacia era 140/ 80-90( non ricordo di preciso la minima) e 74 battiti al minuto. Mi faccio un giro per non pensarci e poi vado a casa. La sera dopo due camomille a distanza di poco, ( ogni tanto avevo qualche piccolo doloretto in petto) riesco ad andare a dormire.
Oggi sto un po' meglio, ma sento il cuore un po' alterato, e non vorrei ritornare in farmacia, per farmi misurare nuovamente il tutto, rischiando di sfociare in una fissa.
Vi chiedo quindi, è normale? Può essere associato a qualche problema di stomaco/ansia/ altro?
Scusatemi se sono stato troppo lungo nello spiegare, spero possiate aiutarmi.
Buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Per cio' che riguarda i disturbi intestinali non sono certo io il piu' indicarto a risponderle
Per quanto riguarda cio' che ha presentato dopo le scale a corsa mi pare una reazione perfettamente normale
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 475XXX

Capisco, ma oggi ad esempio mi sento che appena faccio un minimo sforzo mi affatico, tenendo conto che ecg e elettrocardiogramma effettuati circa due mesi fa non hanno mostrato nulla ( se non un rigurgito minimo a cui il medico non ha dato alcun peso). Può essere ansia/nervosismo..o qualcos altro?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Direi proprio che l'ansia le stia giocando brutti scherzi.

La saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 475XXX

Grazie innanzitutto per la risposta. Volevo aggiungere che in questi giorni oltre ad essere sempre stanco (nonostante dormo circa 8/9 h la sera) mi sento intontito e continuo ad avere tachicardia e a sentire il cuore battere con insistenza.Ho sempre avuto la pressione 130/80 e solo venerdì, il giorno prima che le ho scritto, avevo la pressione più alta 140/80-90 ( ma la minima non la ricordo con precisione) .
Mi chiedo se è meglio fare l ennesimo accertamento cardiaco oppure rassegnarmi alla questione "ansia" e, " sbattere la testa finché non mi passa capendo che è tutto ok..
Ho notato che prendendo una bustina di riopan ( antiacido da 80mg) la situazione sia leggermente migliorata...possibile mai?
Ringrazio anticipatamente, purtroppo se è solo l ansia..devo ammettere..che davvero mi sta mettendo a dura prova..

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
puo darsi che abbia qualche problema gastrico e che questo le scateni delle banali extrasistoli.
ma se non cura l ansia con uno specialista avra una qualita di vita molto ridotta

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza