Utente 208XXX
Buongiorno Dottore,



mi scusi se La disturbo. Mi piacerebbe sapere il Suo parere.


Alcuni anni fa ho scoperto, per caso, di essere bradicardico. Premetto che non ho mai avuto problemi di natura cardiologica, e che pratico attività sportiva anche intensa (mountain bike e non solo) con regolarità senza mai aver avuto nessun problema.

Sono attualmente in cura, per altri motivi, con un farmaco che si chiama Fluvoxamina 100 mg (una cp alla sera).


Volevo farLe presente che alle ore 23:00 circa di ieri sera ho provato la pressione (a riposo) ed i valori che sono venuti fuori sono stati seguenti: 125 la massima, 82 la minima e 49 le pulsazioni.

Secondo Lei queste pulsazioni basse sono una cosa normale, data la mia età ed il mio stile di vita? (ho 33 anni, normopeso, mangio bene e faccio attività sportiva intensa, non bevo e non fumo).

Ad ogni modo questa mattina ho riprovato la pressione e le pulsazione erano 54.

Mi consiglia di eseguire, per maggior sicurezza, un holter delle 24 ore oppure, a Suo avviso, non c'è motivo di preoccupazione?


La ringrazio per il Suo tempo e mi scuso per il disturbo.



Cordialmente



G.

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Non c'è motivo alcuno di preoccupazione. La sua bradicardia è giustificata dall'attività sportiva svolta ed è fisiologica.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 208XXX

Grazie mille, Dottore!

Adesso mi sento più tranquillo!


Cordialità



G.

[#3] dopo  
Utente 208XXX

Gentile Dottore,

mi sono dimenticato di aggiungere 2 cose a quello che già Le avevo scritto precedentemente:

1) in passato ho avuto episodi, per così dire "isolati", di crisi di vomito e capogiri della durata di circa 60 minuti cadauno. Va detto che questi episodi si sono sempre verificati in concomitanza alla contemporanea riduzione, probabilmente efffettuata in maniera "troppo brusca", di alcuni farmaci di tipo psichiatrico cui ero solito assumere come la Sertralina 50 mg, la Quetiapina 50 mg oppure la già precedentemente menzionata Fluvoxamina 100 mg.

Circa un mese e più fa mi sono capitati alcuni episodi proprio mentre stavo riducendo il dosaggio dello Fluvoxamina 100 mg da 2 cp al dì ad 1 cp al dì.

Adesso è ormai un po' di tempo che assumo solo 1 cp e non ho più avvertito questi sintomi di nausea, forse perché l'organismo si è "abituato" al nuovo dosaggio.

2) Oggi 12/03/2018 ho provato la pressione alle ore 13:05 a riposo dopo aver pranzato. Di seguito i risultati: massima: 120 minima: 70 pulsazioni: 67


Lei ritiene che gli episodi di nausea avuti in passato possano essere stati causati, con ogni probabilità, da una riduzione del dosaggio effettuata in maniera troppo "veloce"?



Grazie ancora



Cordialmente


G.

[#4] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Non ho alcun dato per risponderle, ma questo non ha nulla a che fare con la domanda che ha posto inizialmente. Se ne ha altre da farne non utilizzi questa richiesta di consulenza, ma ponga una nuova richiesta sul nostro sito in area cardiologica.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica