Utente 101XXX
Buonasera , a causa di febbre 38,5 , poi normalizzatasi dopo assunzione di tachipirina ,, dispnea , tosse in data 23/02/2018 ho eseguito una radiografia del torace in proiezione anteriore e latero laterale che evidenziò : Non addensamenti parenchimali a focolaio in atto .Diffusa accentuazione della trama bronchiale .Enfisema diffuso e bilateralmente . Diaframma regolare nel profilo con seni complementari liberi .Ombra cardiaca morfovolumetricamente nei limiti della norma .Trachea in asse .Sclerosi calcifica dell'arco aortico .Considerato che i precedenti referti erano nella norma e l'ultima spirometria eseguita il 09/01/2018 era normale, la febbricola ea sempre presente e che negli ultimi mesi ho fumato tantissimo , a causa di una grave perdita , il medico di base mi prescrisse una tac toracica che eseguii in data 26/02/2018 e il referto evidenziava Segni di efisema polmonare prevalentemente centroacinare con diramazioni bronchiali a pareti ispessite .Non lesioni infiltrative parenchimali polmonari .Non versamenti pleuro pericardici .Assenza di significative adenopatie ilo -mediastiniche. Trachea e bronchi di calibro maggiore pervi .Perdurando la febbricola a causa di un brusco rialzo controllato con tachipirina il 09/03/2018 mi recai in pronto soccorso dove sottoposto a esami diagnostici , visita ecg radiografia del torace veniva rilevato MV aspro senza franchi r.p. aggiunti Toni cardiaci ritmici , normofrequenti .Addome piano/escavato ndp AAll ndp Eco torace polmoni asciutti , non linee B , non versamenti , non connsolidamenti Ecoscopia cardiaca Vsn normocinetico , minimo versamento pericardico ubiquitario ,non emodicamente significativo .Sezione dx regolare si suggerisce ripetizione TPN e dosaggio di PCR .Visita cardiologica con ecocardiogramma , Visita pneumologica ambulatoriale .Tachipirina in caso di febbre . IL 10/03/2018 ritornai in PS a causa di un nuovo rialzo febbrile e lieve dolore toracico soliti esami ,solito ecg solita visita diagnosi sospetta pericardite si consiglia terapia domiciliare con Pantorc 40 1 al mattino , Unixime 400 cp dispersibili 1 al dì , Aspirina effervescente 2 cp da 400mg dopo pranzo ,Ecocardiogramma .Assunto l'antibiotico dell'intera scatola (5) e la terapia prescritta la febbre scomparve dopo 2 3 giorni pur perdurando tosse con espettorazione biancastra nel contempo ho eseguito una visita cardiologica e due ecocardiogramma a distanza di c.a 12 ore .La prima ha evidenziato un versamento pericardico di grado lieve in sede anteriore .la seconda un pericardio ispessito ecoriflettente ma con assenza di versamento .In data odierna mi è ritornata la febbre 37,5 poi 37,3 lieve dispnea e di rado tosse .IL pneumologo di riferimento mi visiterà martedì mattina . La terapia è adeguata ? Quali ulteriori esami ritenete utili per una corretta diagnosi ? Soffro di tonsillite ci può essere correlazione .Sono molto preoccupato .Grazie per il tempo che vorrete dedicarmi .

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
non mi pare, dagli esami che lei ha inviato, che si possa parlare di pericardite la cui cura certamente non è quella che lei ha assunto.
il problema piu importante mi pare il quadro polmonare, e spero che abbia smesso di fumare .

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 101XXX

Innanzitutto grazie per la pronta risposta , domattina ho l'appuntamento con il pneumologo ; relativamente alla pericardite o pseudo tale è stata "diagnosticata " in primis dai sanitari del PS come anche la terapia prescritta e successivamente dall'esecuzione di 2 ecocardiogramma eseguiti il 1 dal cardiologo e il 2 dal cardiochirurgo che sembrerebbero contrastanti .Inoltre la febbre ieri sera era 36,8 e stamane 35,8 .Riguardo il fumo seguirò il suo consiglio .Infine volevo chiederle quali esami strumentali e/o ematochimici sono piu' appropriati onde avere una diagnosi "certa" riguardo le patologie di cui la richiesta di consulto e le terapie idonee . Le auguro una buona giornata .Cordiali Saluti .

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Per la diagnosi di pericardite occorre che gli indici di flogosi siano alrterati, che siano presenti alterazioni ecografiche a carico del pericardio (non banali "scollamenti" pericardici che sono fisiologici), che il dosaggio degli anticorpi antivirsu (Echo , Coxackie, etc..) vengano ripetuti ogni 15 giorni per valutare l'andamento della eventuale pericardite.
In caso di sospetto la terapia e' a base di Ibuprofene 600 mg 2-3 al di, colchicina.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza