Utente 490XXX
Buongiorno, ho effettuato un ecg basale sottosforzo e la conclusione è la seguente:
ST ASC. LIEVEMENTE SOTTOSLIVELLATO (0,5 mm). NEL CORSO DELLA FASE DI CARICO PROGRESSIVA ACCENUAZIONE DELLE ALTERZIONI PRESENTI ALL ECG BASALE CHE SEMBRANO RAGGIUNGERE CRITERI DI SIGNIFICATIVITA' CLINICA, CON LENTA REGRESSIONE NEL RECUPERO. NORMALE PRIFILO PRESSORIO. TREND CRONOTROPO TENDENZIALMENTE TACHICARDICO. NON EVEMTI ARITMICI. UTILE APPROFONDIMENTO.
SUCCESSIVAMENTE MI VIENE FATTA FARE UNA TOMOSCINTIGRAFIA IL CUI ESITO È IL SEGUENTE:
LE SEZIONI CARDIACHE SONO STATE RISCONTRATE SECONDO I TRE ASSI: ASSE CORTO, ASSE LUNGO ORIZZONTALE, ASSE LUNGO VERTICALE. LE IMMAGINI OTTONUTE DOPO PROVA DA SFORZO MASSIMALE E A RIPOSO NON HANNO EVIDENZIATO SIGNIFICATIVI DIFETTI REGIONALI, IN PARTICOLARE A CARATTERE REVERSIBILE, NELLA CAPTAZIONE DEL RADIOFARMACO A CARICO DEL MIOCARDIO VENTRICOLARE SINISTRO. SI SEGNALA LIEVE DISMOGENEITA' IN SEDE ANTERO-APICALE ATTUALMENTE NON SIGNIFICATIVA PER INTESITA' ED ESTENSIONE IN AREA SOGGETTA AD ARTEFATTO MAMMARIO, SENZA VARIAZIONI AL CONTROLLO A RIPOSO PERTANTO PRIVO DI SICURO SIGNIFICATO PATOLOGICO. CONCLUSIONI STUDIO TOMOSCINTIGRAFICO DI PERFUSIONE MIOCARDICA NON INDICATIVO DI ISCHEMIA REGIONALE INDUCIBILE DA SFORZO MASSIMALE.
VORREI CAPIRE COS'È UN ST SOTTOSLIVELLATO (verificatosi anche in tomoscintigrafia MAX VAR. ST SOPRASLIV 1.0mm in V3 e ST SOTTOSLIV. 0,5 mm in III), SE PUO' ESSERE COLLEGATO A PATOLOGIE CARDIACHE E SE SI QUALI OPPURE SE PUÒ ESSERE UNA COSA CONGENITA SENZA NESSUNA RILEVANZA. MI CONSIGLIATE ALTRI ESAMI?
Grazie in anticipo per la Vs. risposta e attenzione, saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L' ECG, da come era desritto, era dubbio per una ischemia da sforzo.
Il fatto che la scintigrafia sia risultata negativa, la deve tranquillizzare, anche perche' tale esame puo' dare falsi positivi ma NON da falsi negativi

Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Grazie dottore per la celere risposta.