Utente 489XXX
In attesa della visita neurologica programmata per il 2 maggio, volevo chiedervi un consulto riguardo le condizioni di una zia di 81 anni che presenta problemi di rigidità posturale, motoria e cognitivi. Ha effettuato una RMN con la seguente diagnosi:
"Esame eseguito con sequenze FLAIR, GRE e TSE pesate in T2, TSE pesate in T1 e DWI acquisite su piani di scansione assiali, sagittali e coronali nelle sole condizioni di base.
Presenza di circoscritte aree di alterata intensità del segnale, iperintense nelle sequenze pesate in T2 a carico della sostanza bianca biemisferica dei centri semiovali e della corona radiata, in sede periventricolare, da riferire ad aree di gliosi su base vascolare ischemica di tipo cronico.
Segni di riassorbimento periventricolare.
Le scansioni in DWI non hanno rilevato la presenza di aree ischemiche di recente insorgenza.
IV ventricolo nella norma.
SVST lievemente dilatato, normoconformato ed in asse rispetto alla linea mediana.
Spazi liquorali della volta e della base di ampiezza aumentata.
Nel contesto della teca cranica in sede occipitale si osserva area di alterata intensità di segnale di 8mm di Dmax da riferire ad angiolipoma endotecale."
Inoltre ha spesso allucinazioni nelle quali vede parenti defunti da anni, confusione, disorientamento e deambulazione a "passettini" a volte associata a problemi di equilibrio.
Vi rinagrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una delle ipotesi che possiamo avanzare a distanza è quella di un parkinsonismo, infatti la rigidità posturale, il deficit della deambulazione a "passettini" e il deficit cognitivo fanno pensare questa patologia. I problemi cognitivi possono anche essere causati dalla vasculopatia cerebrale cronica che è stata riscontrata alla RM encefalica.
Riguardo l'angiolipoma endotecale, localizzato all'interno dell'osso occipitale, non è responsabile della sintomatologia riferita ed è asintomatico.
Faccia effettuare alla Zia una visita neurologica per un corretto inquadramento diagnostico ed un'adeguata terapia che possa migliorare la sintomatologia descritta.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 489XXX

La ringrazio per la risposta, volevo aggiungere che presenta altri sintomi quali incontinenza,anche se ha un prolasso medio non avverte lo stimolo,scambia casa di mia suocera (dove vive e soggiorna gran parte della giornata)con casa sua,dimentica dove ripone gli oggetti,soldi compresi,riguardo questi ultimi è arrivata a dire che gli hanno rubati e poi quando li ha ritrovati ha detto che:"i ladri sono stati di coscienza e li hanno riportati".Non è in grado di vestirsi e lavarsi autonomamente e a volte quando deve andare a dormire apre il frigorifero scambiandolo per la porta della camera da letto. Inoltre ha una postura sia quando cammina che da seduta protratta in avanti e pendente a sinistra. Questo peggioramento è avvenuto molto velocemente nel giro di 7-8 mesi, prima era autosufficiente e prendeva anche il treno da sola. Secondo lei tutto questo in cosa può evolvere e in quali tempi?
Attualmente come farmaci sta prendendo Vivifast compresse e ceretto Neupro 4mg ,oltre ai farmaci per colesterolo e ipertensione.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia psichica ci sta sia con la vasculopatia cerebrale cronica che con alcune forme cliniche di parkinsonismo, inoltre "ha una postura sia quando cammina che da seduta protratta in avanti e pendente a sinistra" è anch'essa tipica di quest'ultima malattia.
Mi pare però di capire che una diagnosi in tal senso sia stata già fatta considerato che utilizza il cerotto Neupro.
A questo proposito però è corretto rivolgersi ad un neurologo per una rivalutazione terapeutica in quanto solo il neupro è insufficiente, infatti, se non ci sono controindicazioni, che a distanza non posso sapere, il farmaco d'elezione in questi casi è la levodopa, magari associata a qualche molecola che potrebbe ridurre la sintomatologia cognitiva.
Il decorso è variabile da un soggetto all'altro e non prevedibile, molto individuale. Le rinnovo l'invito alla visita neurologica che mi sembra indispensabile, meglio se presso un collega esperto in disturbi del movimento o presso un Centro di questo tipo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 489XXX

La ringrazio per la cordialità e la rapidità delle risposte.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro