Utente 510XXX
Salve,
Sono maschio. 18 anni. 180 cm x 59 kg. Negli ultimi mesi ho notato vari sintomi che mi hanno fatto venire dei dubbi sulla mia salute.
- fascicolazioni, via via più frequenti, in tutto il corpo e via via in nuove parti. Molto frequenti, anche due contemporaneamente.
- movimenti involontari dei muscoli; non compio spostamenti involontari di arti ma sono piuttosto muscoli che "rimbalzano", sì contraggono e si rilassano in modo visibile, in particolare alle gambe e al braccio destro.
- bruciori in tutto il corpo e momenti in cui sento un punto preciso bruciare come a causa di un ago.
- scatti delle dita della mano sinistra (in particolare indice e medio) visibili e non controllabili, di pochi secondi (5-10).

In particolare mi ha preoccupato un singolo evento: una volta ho come sentito un bruciore lungo un nervo del braccio sinistro che scendendo aumentava e si concludeva con uno scatto dell'indice sinistro come sopra indicato.
Non sono mai stato particolarmente stressato, leggermente ipocondriaco e poco ansioso. Al meno fino ad ora. Notando questi sintomi mi è infatti salita l'ansia, che percepisco quasi costantemente da molte settimane.
Per quanto riguarda la mia salute: faccio poca attività fisica, sono anemico e non poco, ho una carenza di vitamina D e problemi nel metabolismo del calcio. Spesso mantengo posizioni scorrette durante le lunghe sessioni di studio.
Vorrei sapere se c'è rischio di neuropatia o se si tratta di un circolo vizioso ansia-stress psicofisico o di altro ancora. Grazie infinite.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro giovane,
attraverso un consulto online è difficile poter rispondere alle tue domande, essendo tutte relative a fenomeni di carattere soggettivo. Pertanto, ti suggerisco di rivolgerti al medico di medicina generale che potrebbe ritenere anche opportuno una valutazione da parte di uno specialista neurologo e l'eventuale esecuzione di indagini diagnostiche.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 510XXX

La ringrazio. Ma vi è possibilità che sia tutto dovuta alla carenza di vitamina D e allo stress?