Utente 480XXX
Da più di due anni convivo con un dolore alla coscia sinistra che interessa anche inguine, testicolo sinistro, gluteo, fianco e più raramente lo stinco. Il dolore è di difficile descrizione (indolenzimento, sensazione di calore, intorpidimento), non è sempre uguale. Non mi limita, nel senso che non ho problemi a camminare o a fare sforzi. Lo definirei di tipo sensoriale. Dopo aver fatto più risonanze magnetiche (dalla testa alla rachide, con o senza contrasto), raggi al bacino, ecografia scrotale (con visita urologica, visto che il dolore testicolare è una costante) e vescicale, visite posturali, analisi del sangue, ecodopler alle gambe, ecc, e non aver trovato niente, il neurologo che mi ha in cura non ha trovato una causa. Dopo aver assunto Lyrica (fino a 150mg x 3), adesso assumo Gabapentin (400x2) senza miglioramento.
Sono a chiedere se fosse il caso di indagare in altro modo. Il neurologo ha escluso altre possibilità (malattie autoimmuni) prospettandosi una terapia con oppiacei. Alterno periodi peggiori a periodi migliori senza logica. Ho l’impressione di stare mediamente meglio in estate. Grazie a chi vorrà rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
quando viene riferita una condizione dolorosa assimilabile alla sciatica di cui tuttavia non si riesce a dimostrarne la causa, come una radicolopatia lombo-sacrale, si può ipotizzare che possa trattarsi della sindrome del piriforme, in cui lo sciatico è intrappolato sotto questo muscolo. E' ovviamente solo un'ipotesi che deve essere suffragata da un riscontro clinico.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Grazie dottore.
Aggiungo, se può essere utile, di aver effettuato elettromiografia che ha rilevato una assonopatia del nervo otturatorio sx.

[#3] dopo  
Utente 480XXX

Inoltre, puntualizzo che FANS e cortisonici non sortiscono nessun effetto. Forse per questo motivo il medico ha escluso la sindrome del piriforme

[#4] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Voglio solo puntualizzare che la diagnosi della sindrome del piriforme è una diagnosi eminentemente clinica, cui si perviene effettuando determinate manovre semeiotiche. Comunque è una ipotesi da prendere in considerazione.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#5] dopo  
Utente 480XXX

D’accordo, ne terrò conto. Dovrei tornare dal neurologo a breve visto che col Gabapentin non sto ottenendo risultati, e gli farò presente la possibilità che si tratti della sindrome del piriforme.

[#6] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Mi riferisca dell'evoluzione del suo caso, cui sono interessato
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#7] dopo  
Utente 480XXX

D’accordo, dottore. Senz’altro.
Ne approfitto per farle una domanda magari banale, ma che inevitabilmente mi gira in testa: alla luce della mia sintomatologia, dei tanti esami e visite fatte, e della lunga durata dei sintomi, posso - diciamo così -stare tranquillo? Cioè, il tutto è effettivamente riconducibile ad una problematica non grave, o farei bene a approfondire in altro senso perché potrebbe trattarsi di qualcosa di più insidioso/allarmante? Grazie.

[#8] dopo  
Utente 480XXX

Salve dottore, vorrei riferirle un aspetto che ho notato nei giorni scorsi. Ho acquistato un paio di nuovi pantaloni: è un modello più morbido e ampio rispetto ai modelli che uso di solito. Ho notato che indossandoli sono stato mediamente meglio. Oggi, dopo tre giorni, ne ho indossato un paio più attillato e mi sono tornati i fastidì all’inguine è il bruciore alla coscia. Premetto che ho fatto due ecografie con visita e l’urologo non ha riscontrato varicocele o altra patologia testicolare. Lo ritiene significativo o può essere solo un caso?
Grazie

[#9] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Questo elemento che ha aggiunto potrebbe essere un indizio a favore dell'ipotesi che ho prospettato di sindrome del piriforme.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#10] dopo  
Utente 480XXX

Il neurologo che mi segue mi ha aumentato il dosaggio del Gabapentin (da 2x400 al dì a 2x400 più 1 da 300). Non ritiene possa trattarsi del piriforme per una serie di ragioni (l’ho sentito velocemente per telefono, ma mi pare di aver capito tra le altre cose che lo avesse escluso il mese scorso dato che non rispondo ad analgesici e non ho problemi sotto sforzo). Sono molto dubbioso circa l’aumento del Gabapentin.