Utente 490XXX
Salve,a mio papà che ora ha 77 anni, venne diagnosticato due anni fa il morbo di Parkinson. Iniziò la cura con 1/2cpr di MADOPAR per tre volte al di. Le sue condizioni erano buone. Da circa due mesi ha iniziato ad avere allucinazioni e psicosi. La notte urla non dorme così il dottore che lo ha in cura gli ha prescritto prima il SERENASE poi in aggiunta il SEROQUEL. Non cammina più continua ad avere allucinazioni la notte non dorme mai continuano i deliri. Abbiano provato quindi con la clozapina ma è stato un disastro. Siamo tornati quindi all'assunzione del SEROQUEL in dosi più massicce 100mg la notte ma con scarsi risultati. Un secondo consulto ci ha parlato non di Parkinson ma di demenza da corpi di Lewy. So che si va a tentativi con le medicine in questi casi ma possibile che ci sia stato un declino così veloce? Ci sono farmaci almeno che possano diminuire le Allucinazioni? Inoltre volevo chiedere é normale sospendere di botto un antipsicotico e passare ad un altro senza scalare la dose? Attualmente prende 2 compresse di MADOPAR divise in quattro momenti della giornata
oltre al SEROQUEL.
Siamo disperati lui non è più lui non ci riconosce più non cammina più tutto nell arco di due mesi... Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
la diagnosi di demenza con corpi di Lewy (LBD) viene posta se il soggetto presenta demenza, allucinazioni e disturbi parkinsoniani. La diagnosi differenziale con la malattia di Parkinson non è sempre agevole. In quest'ultima, in genere, i disturbi motori precedono di almeno un anno quelli del dominio cognitivo. La diagnosi comunque è certa solo con l'esame autoptico del cervello. Il trattamento di ambedue le malattie comporta l'utilizzo di farmaci anti-parkinsoniani ed anti-psicotici, che tuttavia non determinano un arresto nella progressione della malattia.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 490XXX

La ringrazio Dottore per la sua risposta... Mi sa dire solo se c è un farmaco specifico per farlo dormire la notte o perlomeno diminuire le allucinazioni? so che è una malattia incurabile ma almeno alleviare i sintomi ho letto che un buon farmaco è il rivotril ma ovviamente non sta a me decidere.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
pur comprendendo le Sue difficoltà, tuttavia la esorto a non pensare mai in un caso così delicato a terapie-fai-da-te. Si affidi ad un Neurologo che sappia adeguatamente consigliarla. In merito alla Sua domanda specifica posso solo dire che quel farmaco non è adoperato per l'uso che lei indica.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 490XXX

Assolutamente non oserei mai sostituirmi ad un dottore capisce bene che siamo disperati non riuscendo a risolvere le problematiche che stiamo vivendo si cerca nel web ma so quali sono i limiti volevo solo sapere da un esperto se esiste un farmaco in grado di diminuire le Allucinazioni visto che quelli usati fino ad ora non funzionano e se ci dobbiamo rassegnare a sentire un padre urlare gridare e soffrire giorno e notte...
Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Certamente esistono farmaci in grado di controllare sia il disturbo allucinatorio che lo stato di agitazione. Tuttavia, gentile Signora, Le ripeto essi vanno prescritti dopo aver accuratamente valutato la fenomenologia clinica del paziente. Ciò implica, ovviamente, da parte del Medico cui si ci rivolge non solo il compito di individuare il farmaco più idoneo, ma anche l'onere di assicurare un attento follow-up del paziente.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#6] dopo  
Utente 490XXX

La ringrazio.