Utente 249XXX
Buonasera dottori,
Sono una ragazza di 30 anni.
Da sempre soffro di pressione bassa, non sono mai arrivata a perdere i sensi ma percepisco che la pressione sta calando quando, trovandomi in piedi in luoghi affollati, comincio a sudare freddo, a sbadigliare fino a quando non trovo un appoggio per sedermi.
I miei cali di pressione hanno sempre assunto questa forma, sicché riesco a riconoscerli prima di arrivare a perdere i sensi.
Una settimana fa circa ero distesa a letto, parlando al telefono, con lo sguardo rivolto al lampadario a soffitto. All’improvviso ho un vero e proprio blackout: non vedo più nulla, buio pesto, al punto di arrivare a pensare che fosse andata via la luce. Non era come quando si hanno gli occhi chiusi in una stanza illuminata: in quel caso si percepisce la luce intorno nonostante le palpebre chiuse. Era proprio un buio pesto. Il tutto dura circa un secondo, senza altri sintomi.
Mi accorgo, tuttavia, che non si era trattato di un calo di corrente elettrica, perché il pc e la televisione erano rimasti accesi.
Dopo circa 3/4 minuti accade di nuovo.
Il giorno successivo sono andata dal medico di famiglia, che mi ha riscontrato la pressione bassa (la massima era 90).
Nei giorni successivi mi è sembrato di avere altri cali di vista (senza arrivare al blackout completo), ma non so se oggettivi o dovuti all’ansia.
Oggi ho avuto un altro calo di vista e sono andata in farmacia a misurare la pressione: 96/56 con 72 battiti al minuto.
L’idea che l’ossigeno non riesca ad arrivare al cervello mi terrorizza!
È possibile che un calo di pressione possa portare un oscuramento totale della vista?
Nell'eventualità positiva, come mai ho avuto un calo pressorio pur trovandomi in una situazione di non affaticamento (ero sul letto a chiacchierare)?
Come mai non ho riscontrato i soliti sintomi?
È il caso di indagare cause cardiologiche?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I valori pressori che lei riporta non comportano certo i sintomi che lei riferisce

se lei non fa uso di farmaci, non usa eccessiva caffeina e non fosse fumareice le consiglierei di bere almeno 1,5 -2 litri di acqua al giorno mangiando piu salato,anche se, le ripeto non sono certo i 90di massima ad abbuiarle la vista

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 249XXX

Grazie, dott. Cecchini.
Non uso abitualmente farmaci, né fumo; bevo circa 3 caffè al giorno.
Bevo molto poco, direi al massimo un litro di acqua al giorno. Si tratta, tuttavia, di una (cattiva) abitudine, non di una novità di quel giorno.
Può l’assunzione di poca acqua comportare di punto in bianco la mancata ossigenazione del cervello? O ci sono altri aspetti concomitanti da indagare?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
se ha 90 mmHg di pressione di perfusione il suo cervello alla sua giovane eta è perfettamente irrorato
quindi non è quello il problema

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 249XXX

Grazie, dottore.
Quale potrebbe essere la causa, secondo lei?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
non certo cardiologica specie se bilaterale

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 249XXX

Dunque, neurologica? O oculistica?
Grazie per le risposte, mi sono preziose per indirizzare l’approfondimento

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
ascolterei il parere di un neurologo.
arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza