Utente 347XXX
Gentili Dottori,pensavo di poter aggiornare il mio consulto precedente sullo stesso argomento ma non sono riuscita. Nonostante fossi stata ampiamente rassicurata da tutti riguardo la benignità dei lievi rigurgiti riscontrati all'eco di gennaio alla mitrale e alla tricupsidale e considerati irrilevanti io evidentemente devo essere nuovamente caduta nella trappola dell' ansia sull'argomento, a tal punto da andare ieri presso una grande struttura ospedaliera della mia zona e rifare tutti i controlli da capo. Eco ecg e visita. li x li l'operatore che mi ha fatto eco sembrava ridendo non trovare traccia di rigurgito poi mi disse si c'è una lieve insufficienza della mitrale ma è una cosa che su 10 eco che faccio in 8 la trovo in questi termini. Mi dice la valvola è normale i lembi sono fini e mobili ma leggermente più spessi dell'ordinario e aggiunge che lo stava dicendo solo come osservazione perché ognuno è fatto a modo suo e non siamo fatti con lo stampino.che le valvole non sono a tenuta stagna e possono lasciar passare qualcosina in chiusura.
Riporto referto:
Ventricolo sx non dilatato. Normali lo spessore la cinetica e conservata la funzione sistolica globale FE >55%
Atrio sx non dilatato
Ventricolo dx non dilatato e normocinetico atrio dx non dilatato
Valvola aortica tricupside
Aorta asc non dilatata
Arteria polmonare normale
Lembi mitralici fini e mobili
VCI ed intraepatiche normali
No versamento
SIA/Siv apparentemente integri.
Al Doppler:
Riempimento VS normale
Insufficienza mitralica di grado lieve priva di rilievo emodinamico
Insuff tricupsidale lieve. paps normale.
Ecg ritmo sinusale tracciato normale

Vado quindi con gli esami appena fatti dal cardiologo nell'altra stanza che mi ascolta attentamente il torace e dice che non vi è traccia di soffi nemmeno a volerli trovare x forza e sul referto all'ascoltazione scrive:normalità
Mi dice che il mio cuore è perfettamente sano ,non ho fattori di rischio e di non pensare più a quei rigurgiti parafisiologici e che x un soggetto ansioso come me era meglio non me li avessero mai refertati (cosa che è avvenuta con il cambio del medico privato da cui andavo regolarmente x rassicurarmi sul discorso cuore) .
Nelle conclusioni scrive: non cardiopatia. Controlli in prevenzione primaria ogni 5 anni e specifica solo x questioni anagrafiche e non x i rigurgiti che è come non ci fossero. Ora la mia curiosità è questa: leggendo anche vari consulti qui leggevo che normalmente una lieve insufficienza anche fisiologica è associata a un piccolo soffio.. perché io in tutte le visite cardiologiche fatte (comprese quelle passate in cui i rigurgiti non erano nemmeno menzionati) non ho mai avuto un reperto ascoltatorio di soffio anche minimo? Da cosa dipende? Posso davvero mettere una pietra sopra a questi rigurgiti/insufficienze il cui nome mi angoscia e mi fa sentire una spada di Damocle sulla testa? Grazie e scusate la lungaggine.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
si, ci metta una pietra sopra
definitivamente

la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 347XXX

Grazie Dott Cecchini per la sua velocissima risposta. Senz'altro ci proverò a metterci una pietra e mi aiuto pensando che se il cardiologo di fiducia che avevo non li ha mai menzionati è perché appunto non essendo patologici e conoscendo il mio carattere era meglio non refertarli visto che di fatto non cambiava nulla. Però se la va potrebbe rispondere alla mia curiosità del perché non c'è nessunissimo soffio ascoltatorio se poi ci sono questi rigurgiti pur parafisiologici che siano? E questo termine "parafisiologico" è l'equivalente di "variante della normalità" ?. Non voglio fare la paranoica ma davvero a volte un Dott che ti visita dovrebbe pensare se mettere in crisi una persona dicendo qualcosa di non necessario o magari evitare di farlo sapendo che appunto non è necessario farlo perché siamo nella normalità o nella variante della normalità. Mia riflessione puramente personale che non so se la troverà d'accordo. Sarei comunque grata se volesse rispondere,quando ha tempo,alle mie curiosità. Grazie e buona serata.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
lei scrive un sacco di parole inutili
Lei non ha alcunche

la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 347XXX

Va bene, speravo di leggere una delle sue spiegazioni chiarissime ma è chiaro dalla risposta che sto facendo degli inutili voli pindarici. Mi fermo davanti al suo alcunché e la ringrazio per la schietta risposta.

[#5] dopo  
Utente 347XXX

Gentile Dottore forse potrei inviarle le immagini del mio eco x avere un suo parere diretto su questo rigurgito? È possibile tramite mail? Grazie saluti

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
le foto della ecografia non sono di nessun aiuto perche la,ecografia cardiaca è un esame in movimento.
è come se lei mi mandasse la foto di una ruota storta.
a vederla in foto sem ra diritta ma è solo vedendola girare ci si accorge che è storta

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 347XXX

Capisco. Immagino che sulla mia zona lei non riceva... Grazie e buon weekend.