Utente 490XXX
Buonasera a tutti. Premetto che non sono mai stato un tipo ansioso e ho sempre goduto di buona salute. Ho 20 anni, pratico sport regolarmente 4 volte a settimana da quando ho 5 anni e vi scrivo riguardo alcuni sintomi che provo da un po' di tempo. È iniziato tutto a gennaio quando, tornando in macchina da una settimana di vacanza con la mia famiglia, ho avvertito in macchina una tensione improvvisa al collo (lato sinistro) e formicolio al braccio sinistro. Mi sono subito allarmato un sacco ed è scattato il panico, avevo paura che mi potesse succedere qualcosa da un momento all'altro. Sono riuscito comunque a guidare fino a casa e lì poi mi sono tranquillizzato. Da quel momento in poi sono iniziati una serie di sintomi che mi hanno portato ad essere sempre in apprensione e tensione, quali fitte al petto, formicolio al braccio continuo (se tocco un punto preciso del gomito soprattutto) e tensione al collo e al viso che sono sfociati in alcuni attacchi di panico, in cui credevo realmente di avere un infarto e di morire. Ho eseguito ad aprile un'elettrocardiogramma sotto sforzo, in quanto questi sintomi si erano manifestati anche giocando a calcio, ed è risultato tutto nella norma. Premetto che ho inoltre eseguito un ecocolordoppler e un holter 24h 3 anni fa in quanto era stata trovata un'extra-sistola durante la visita per l'idoneità sportiva, e anche questi erano risultati nella norma. In queste ultime due settimane il dolore al petto è presente quasi sempre, localizzato perlopiù nello sterno, e faccio fatica a respirare a fondo costantemente (questa dispnea spesso aumenta dopo pranzo e cena), con una tensione generale e paura aumentate notevolmente. La mia domanda è: che sia il caso di ripetere qualche esame oltre a quelli già effettuati, o è esclusivamente un problema di ansia e stress? Grazie per la risposta
P.s. aggiungo (se può servire) che sono fermo in sedia a rotelle da circa un mesetto e mezzo a causa della rottura di una gamba, sono stato operato e a fine mese tornerò finalmente a camminare

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei soffre di attacchi di panico che vanno inquadrati e curati da uno specialista

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza