Utente 497XXX
Gentilissimi dottori
Ho effettuato il primo holter della mia vita in seguito alla sollecitazione del mio
Medico dopo un ecg.
Riporto qui il referto:
La registrazione ha mostrato ritmo sinusale interroga, nelle ore diurne, incessantemente da continui parossismi di tachicardia atriale automatica a frequenza massima di 180 bpm, parzialmente regredita nelle ore notturne. Non alterazioni del tratto S-T suggestive di ischemia.
Il Cardiologo refentante mi ha consigliato di contattare nel breve termine un aritmologo o elettrofisiologo. Chiedo gentilmente un vostro parere al riguardo...
Vi ringrazio in anticipo
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non capisco cosa il cardiologo refertatore intenda per tachicardia atriale automatica, ma data la frequenza riportata è opportuno che lei si rivolga ad un centro per uno studio elettrofisiologico

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza