Utente 489XXX
Buongiorno dottori,
sono un soggetto ipocondriaco e tendente ad attacchi di panico, in cura da uno psicoterapeuta. Da ieri sera accuso una "strana" sensazione, più che altro si è instaurata in me una paura di star avendo un infarto imminente seppur non possiedo una sintomatologia di rilievo. Stamattina ho avvertito un lieve dolore in petto localizzato al centro dello sterno, ma durato circa pochi minuti poi scomparso e non ricomparso. Avverto un leggero dolore al braccio sinistro talvolta stamattina(localizzato nelle regione balla quale vi sono le vene interoccrnti tra il polso e l'avambraccio) e questo mi genera ansia, e stamattina ho tossito delle volte come se avessi avvertito il cuore in gola. Non sono soggetto cardiopatico in quanto esami del cuore sostenuti pochi mesi fa hanno dato esito negativo e non sono un fumatore, né assiduo consumatore di bevande alcoliche.
Questi sintomi sono imputabili ad un infarto o una cosa del genere oppure sarei già dovuto essere "morto" se questi sintomi vanno avanti da ieri sera alle sei?
Dovrei quindi , appurata la situazione tranquilla, recarmi dal mio psicoterapeuta e discutere di questa mia paura per il cuore?
Grazie mille in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
tutti i sintomi che lei descrive non sono attribuibili al suo giovsne cuore.

ne parli con il suo psicoterapeuta

arrivederci


cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 489XXX

Dottore buonasera,
la ringrazio per la pronta risposta. Ho fissato per domani incontro con lo psicoterapeuta. Volevo segnalarle un episodio riscontrato, probabilmente una extrasistole, non so. Ero seduto, in uno stato un po' adrenalinico post cena e caffè assurdo alle 16 per motivi di studio universitario ed ero pieno di adrenalina,seduto comodamente a riposo sulla poltrona ed avevo una percezione del mio battito evidente, anche se non un battito accelerato ma come se lo sentissi in modo evidente. Ad un certo punto ho avvertito come una strana sensazione come se non avessi più avvertito questo battito o un battito all'improvviso accelerato, non so e all'improvviso ho sudato in maniera assurda e mi sono subito alzato in preda al panico. Mi sono misurato i battiti e, pur avvetendioli nitidamente, mantenevano una frequenza di 69/70 bpm a riposo. Può essere stata questa sensazione una pausa compensatoria extrasistolica? Glielo chiedo perché di solito avverto queste sensazioni e sono diverse da quella avvertita oggi..

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
puomdarsi che abbia avuto qualche banale extrasistole come tutti noi esseri umani abbiamo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza