Utente 444XXX
Gentili dottori,
ho 33 anni. Fumo 0, poco alcool, un po' troppi carboidrati e non abbastanza frutta e verdura ma sempre normopeso. Ho sempre fatto poco sport fino ai 25, poi vita sedentaria ma camminando spesso a piedi, senza cambiare abitudini di vita (ma con molto più stress e mi sono stati riscontrati colon irritabile e intolleranza al lattosio).

Due anni fa provai a fare 10 minuti 10 di cyclette e mi sentii malissimo con respiro affannoso, dolore nella zona sinistra del petto e diffuso formicolio sul volto. Questi sintomi sono durati 5-6 ore almeno e in generale ho avuto un lieve malessere fino alla mattina. Su consiglio del medico di famiglia, feci ECG da sforzo (tempi di recupero dopo lo sforzo lenti in maniera un po' anomala ma null'altro) e Holter H24 (nulla). Ad ogni modo, ho sospeso ogni attività fisica (il cardiologo disse che avrei dovuto fare per almeno 1 mese camminata rapida col cardiofrequenzimetro e vedere come andava, ma non ho avuto tempo per farlo).

Quest'anno sto facendo un protocollo di esercizi di recupero per dei dolori alla spalla presso un fisiatra; dopo una prima fase di esercizi leggeri (pesi max. 2kg) sono passato al potenziamento dell'arto seguito da un personal trainer che collabora con la struttura che mi segue, senza nemmeno pensare al problema di cui sopra. La prima volta ho fatto 10 minuti di cylcette prima degli esercizi per la spalla e si è ripresentato lo stesso identico problema. La seconda volta ho fatto solo 5 minuti e ho avuto lo stesso problema in forma minore. Oggi, al terzo appuntamento, ho sospeso del tutto la cyclette e le cose andavano ancora meglio e non avevo quasi nessun fastidio, ma, circa 1h30 min. dopo lo sforzo, ho avuto per circa 30 secondi un appannamento della vista e poi sono ripresi gli stessi identici dolori.

Che tipo di problema può essere? Solo mancanza di allenamento (e poca idratazione magari) e (tanta) ansia o ci può essere qualcosa di più serio?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
penso in effetti che la sua ansia le stia facendo brutti sxherzi.
Se l ECG sotto sforzo e’ risultato negativo non vedo motivomdi preoccupazione
Cerchi di trovare il tempo per camminare, che è la ginnastica migliore per il suo cuore
arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 444XXX

Gentile dottore,
La ringrazio tanto per il celere e cortese riscontro; ad ogni modo, l'ECG ha mostrato una certa lentezza nel recupero dopo lo sforzo.
Oltre a ciò, l'unico mio dubbio è relativo al fatto che a distanza di due anni, dopo lo stesso (minimo) sforzo fisico, si siano ripresentati gli stessi identici sintomi.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
ed io non vedo alcun motivo di preoccupazione

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 444XXX

La ringrazio. Ho aspettato un po' per vedere come si evolveva la situazione Il formicolio dopo l'attività fisica si sta riducendo. Ho fatto delle analisi del sangue di routine, e a parte una lieve carenza di vitamia D non è uscito nulla di significativo.

Tuttavia, oltre ad occasionali formicolii generici, specie nella parte sx del corpo, avverto da circa una settimana un formicolio abbastanza costante alla mano sinistra, in particolare al mignolo, che non mi impedisce però di muovere il dito. Inoltre, cosa penso mai successa in vita mia, ho avuto anche delle piccole difficoltà erettili. COnsiderando anche che questo inverno ho avuto molto freddo alle mani potrebbe essere qualche problema circolatorio?
Grazie mille in anticipo

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
No guardi i formicolio al mignolo non ha niente a che vedere con il deficit erettivo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 444XXX

Grazie mille. Immaginavo che le cose non fossero correlate, però questa sensazione continua e non so proprio cosa fare. Non sarà una cosa grave, ma è persistente e quindi fastidiosa