Utente 505XXX
Salve, sono un ragazzo di 45 anni che pratica attivita' fisica da molti anni (corsa media di 12/13 km per 3 volte a settimana) e che a seguito di un episodio di lipotimia (unico episodio al momento in 44 anni) verificatosi dopo aver terminato attività fisica di 12 Km senza aver effettuato recupero e peraltro mentre mi radevo barba (il cardiologo ha parlato di crisi vagale) ho eseguito per la prima volta una visita cardiologica (Ecg ed ecocardio) dove è stata rilevata bradicardia e lieve ipertrofia del setto (ca 11,5 mm).
Successivamente, su indicazione dello stesso cardiologo, ho eseguito dopo 15 gg un holter ecg 24h dove ha rilevato solo episodi notturni (8/10) di Bav II grado Mobitz 1 della durata massima di 2.4 sec.
Nei giorni seguenti, visto il mio stato ansioso ed al solo fine di poter escludere la presenza di patologie importanti (considerato anche che era la prima volta che facevo un accertamento cardiologico), ho effettuato tramite ricovero presso struttura ospedaliera un esame di coronografica (risultato tutto nella norma con coronarie indenni) ed una telemetria per 72 ore che ha evidenziato solo occasionali (2/3) episodi notturni di Bav di I grado, che hanno portato a dimettermi senza alcuna prescrizione se non quella di ridurre attività fisica, fare dovuti controlli periodici e, ovviamente, astenersi dal fumo (sono non fumatore da oltre 3 anni).
Alla luce di questa diagnosi posso stare tranquillo (visto anche il forte carico emotivo posseduto) e continuare a fare attività fisica moderata oppure sarebbe opportuno fare ulteriori accertamenti?
È possibile che lieve ipetrofia, bradicardia ed i Bav notturni rilevati possano essere legati all'attività fisica?
Dimentivavo: la P.A. misurata frequentemente è in media 115-120/ 75-80 mentre i battiti sono in media 60/65 con punte minime notturne di 42 bpm rilevate tramite holter.
Grazie in anticipo per la risposta.
Cordialità

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Senz altro sono tutti effetti dell allenamento.
Niente pericoloso , per il momento

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 505XXX

La ringrazio di vero cuore per la tempestiva risposta. Mi scusi se continuo a disturbarla ma il dubbio è legato al fatto che, sucessivamente a questi accertamenti visionati da cardiologi, il mio medico curante mi ha detto che con Bav di II grado Mobitz 1 è opportuno fare studio elettrofisiologico per valutare impianto di Peacemaker.
Ultimo dubbio: l'ipetrofia del siv sinistro (11,5 mm) è preoccupante o può essere legata anch'essa all'attività fisica?....posso continuare a farla, moderandola?
Lei mi consiglia di fare qualche altro accertamento?...oltre al controllo periodico holter ecg?
Dimenticavo: tutti gli esami ematochimici effettuati sono risultati nella norma.
Ancora grazie per la disponibilità e soprattutto professionalita'.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non è necessario ancora uno studio EF dal momemto che le pause sono inferiori ai 2,5 secondi e notturne.

È probabile che prima o poi un pace-make le occorrerà.
L attivita fisica che lei compie non è salubre per nessun cuore

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 505XXX

Mi scusi ancora ma le devo chiedere un ultimo chiarimento/info. Che significa che è probabile che prima o poi un pacemaker sarà necessario?....se riduco od elimino attivita' fisica non potrebbero regredire i Bav notturni rilevati? E che tipo di attività fisica meno pericolosa potrei svolgere?
Grazie ancora e mi scusi x l'insistenza ma sapere che prima o poi dovrò comunque mettere il pacemaker mi ha messo un po in agitazione. Da cosa potrebbe dipendere?...visto che mi pare di aver letto che lei ritiene che in caso di Bav I o II grado notturni il pacemaker non va consigliato neanche a persone di 100 anni (spero di non aver sbagliato interpretazione).
Grazie ancora per la disponibilità e professionalità.
Cordialità.

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei ha solo 45 anni. Se presenta un blocco mobitz Tipo 2 è verosimile che invecchiando il suo sistema di conduzione peggiori. Non è certezza ma verosimile

Esegua frequentemente un holter è ponga attenzione ad eventuali svenimenti immotivati.
Lo sport migliore per il cuore è il cammino

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 505XXX

La ringrazio di vero cuore per la tempestività della consulenza, la professionalità e la assoluta concretezza e semplicità nella risposta.
Ancora grazie.

[#7] dopo  
Utente 505XXX

Salve dott. Cecchini, le scrivo perché a seguito di accertamenti effettuati ca 2 mesi fa che hanno portato a dimettermi con la seguente diagnosi (bav notturni di II grado Mobitz 1 e indicazione a ridurre attività fisica), da 2 settimane ho iniziato a fare 8.000/9.000 passi al giorno in aggiunta a 45 min di camminata veloce alternata a corsetta 5/6 volte a settimana (6 km)
Nonostante la riduzione dell'attività fisica ho notato che da 2/3 giorni i battiti a riposo sono leggermente diminuiti a 48/50 rispetto ai 55/60 di qualche settimana fa.
Non vorrei sembrare ipocondriaco (forse lo sto diventando!!!) ma vorrei chiederle se questa riduzione della frequenza è da considerarsi pericolosa/preoccupante e se devo ridurre ulteriormente l'attività fisica diminuendo anche le uscite di camminata veloce/corsetta.
Grazie.

[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei sta facendo una attivita' cosatnrte fisica che ovviamente le riduce la frequenza cardiaca basale.
I valori che lei riporta, tuttavia, non destano alcuna preoccupazione

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente 505XXX

Mi scusi, quindi posso tranquillamente continuare con questa attività fisica? oppure, visti gli episodi notturi di Bav II mobitz 1 registrati con holter e la bradicardia, sarebbe opportuno ridurre ulteriormente attività fisica?
Approfitto anche per chiederle ogni quanto tempo sarebbe opportuno ripetere esami cardiologici (holter ed ecocardio) per monitoraggio Bav, bradicardia e lieve ipetrofia.
Grazie ancora per la disponibilita' e professionalita' e mi scusi ancora per il notevole disturbo.

[#10] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei non disturba affatto.
Io sconsiglio la corsa, mentre incoraggio il cammino di un'ora al giorno specie a persone di mezza eta'..
Controllerei un Holter ed un ecocardio una volta l'anno

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente 505XXX

Mi scusi ancora dott. Cecchini ma purtroppo devo disturbarla ancora una volta (spero l'ultima!!) per un dubbio. A seguito del subentro credo di uno stato d'ansia di questi giorni legato alla lieve riduzione della frequenza (di cui ho gia' ricevuto le necessarie rassicurazioni da parte sua), misurando manualmente i battiti nella giornata di oggi ho notato una certa irregolarità del ritmo cardiaco (alcuni battiti meno intensi ed altri ravvicinati). Successivamente, rientrato a casa, ho effettuato per 3/4 volte la misurazione con misuratore automatico professionale che ha fatto accendere spia che evidenzia aritmia. Potrebe essere qualcosa di preoccupante?...o si può trattare di extrasistoli magari alimentate dall'ansia?. Dimenticavo: fisicamente non avverto nessun sintomo e/ fastidio.
Grazie ancora

[#12] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Banali extrasistoli

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza