Utente 489XXX
Buongiorno dottori,
volevo chiedere un parere su un sintomo estremamente fastidioso che mi attanaglia da ieri. Nella serata di ieri ho iniziato ad avvertire nitidamente il mio battito cardiaco disteso sul letto,come se avessi un tamburo nel torace, una sensazione che avevo già provato altre volte, essendo ansioso affetto da DAG e misurando la mia frequenza cardiaca era abbastanza più alta di quella normale, intorno agli 84-90 bpm seduto sulla sedia. Ovviamente più questo "tonfo" aumentava più andavo in ansia e comparivano sproadiche extrasistoli (tre o quattro), il tutto condito da uno stato generale di agitazione. Stanotte mi sono risvegliato poi verso le quattro tutto sudato, sempre con un cardiopalmo enorme e un battito sui 90 bpm steso a letto e poi al risveglio la situazione è leggermente migliorata, per poi tornare nuovamente insistente nuovamente disteso a letto. Può la mia bella mente generare queste sensazioni più che altro fastidiose, poiché generano in me allarme? Non credo che dall'ultima visita cardiologica, fatta a 5 mesi fa, sia potuto variare qualcosa..anche in quel caso inoltre sulla diagnosi in ospedale vi era riportato" cardiopalmo ansioso e tachicardia sinusale" e niente altro, tutto negativo, ecg e ecocolordoppler.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei nin ha alcuna patologia aritmica
Curi il suo stato d ansia da uno specialista

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 489XXX

La ringrazio dottore per le rassicurazioni. Dimenticavo di dirle che il tutto è accompagnato da una sensazione di avere il cuore in gola...una curiosità dottore. Che differenza intercorre tra un polso regolare ed uno irregolare?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Che nel primo caso l intervallo di tempo tra battito e battito è costante, nel secondo no.
Magari si avverte un battito in più o in meno , a volte intervali costantemente diversi

La,saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza