Utente
Buongiorno,sono una donna di 39 anni,circa 7 anni fa ho avuto il primo episodio di tachicardia parossistica sopraventricolare.
La cosa si è risolta in ospedale, successivamente ho avuto altri 2 episodi a distanza di un anno e poi di 4.
Mi sono rivolta ad un elettrofisiologo che mi consiglia l ablazione in caso di tachicardia frequenti,tipo 5 o 6 episodi l anno,secondo lui potevo aspettare.
Ultimamente ho notato che sono aumentate tantissimo le extrasistole,così ho fatto un holter che mi ha assicurato la benignita' di queste è mi sono rivolta ad un altro medico che a differenza del primo mi ha proposto l ablazione perché dice che adesso le mie extra stanno diventando anche di natura psicologica e facendo l ablazione io posso stare tranquilla perché anche se avrò molte extrasistole la tachicardia non partirà.
Non so che fare,visto che già adesso le extrasistole mi stanno procurando molta ansia,come farò ad affrontare il post ablazione che dicono comporti proprio un aumento delle extra?Grazie in anticipo della risposta.
Ah dimenticavo, vorrei avere una seconda gravidanza.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
In realtà potrebbe anche assumere dei farmaci che riducano il rischio di una recidiva di TPSV
Certo durante la gravidanza dovrebbe interromperli
Se si facessero frequenti un tentativo di ablazione sarebbe consigliabile

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Ho capito...nessuno dei due però mi ha detto che è il caso di prendere farmaci.
Quindi anche secondo lei meglio optare per l ablazione in caso di recidive frequenti.
Scusi ancora,il secondo cardiologo mi ha detto che l attività fisica riduce le extrasistole. Conferma?
Grazie mille.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No non confermo che L attività fisica riduca le extrasistoli
Fa bene per altri motivi

Per ciò che concerne i farmaci senlei con una cpr al giorno non avesse più aritmie pernsonche ciò sarebbe preferibile ad una ablazione

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora.
Un ultima domanda ma questo farmaco tiene a bada anche le extrasistole?Grazie

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Certamente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza