Utente
Buonasera,
martedì sono stata al pronto soccorso in quanto avevo forte tachicardia (125 bpm), pressione alta (max 160/110) e fastidio in mezzo al petto. Ho eseguito un Ecg, che è risultato nella norma, mi hanno fatto un prelievo e tenuta sotto monitoraggio. Dopo 6 ore sotto controllo mi hanno comunicato che avevo un valore di troponina pari a 19.3 ng/L (valori di riferimento 2.3 - 10.5), mi hanno fatto un altro prelievo e mi hanno dato metoprololo 50 mg. Dopo 3 ore la troponina è scesa a 15.2, i battiti si sono stabilizzati a 84 bpm e la pressione è scesa a 130/75. Pertanto mi hanno dimessa con una diagnosi di "palpitazioni e crisi ipertensiva" e con una cura di cardicor 1.25 da prendere tutte le mattine. In quanto al dolore al petto la dottoressa mi ha spiegato che era conseguente alla forte tachicardia e che sarebbe passato da solo in qualche giorno.
Il mercoledì sono stata tutto sommato bene. Oggi invece il dolore al petto si è presentato insistente al minimo sforzo fisico (anche banalmente alzarmi dalla sedia). Su consiglio del medico, domani mi recherò a ricontrollare il valore della troponina...
Posso avere un vostro parere? È rilevante il rialzo dei valori che vi ho esposto della troponina? A cosa può essere dovuto questo dolore in mezzo al petto? Potrebbe essere angina anche con valori pressori normali?
Preciso che in passato ho eseguito ecocardio risultato nella norma.
Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Deve eseguire un test da sforzo .
mi pare strano non glielo abbiano programmato

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
No non mi è stato programmato nessun controllo, ma non sono ancora riuscita a mettermi in contatto con il cardiologo.
Mi può dire qualcosa sui valori della troponina? Sono molto elevati?
Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sono leggermente elevati e quindi va programmato un ecg sotto sforzo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Lo programmerò al più presto.
Concorda con la diagnosi fatta al ps?

[#5] dopo  
Utente
Buonasera,
vorrei aggiornarvi e chiedere un ulteriore parere... sarò un po' lunga... mi scuso in anticipo.
Il giorno dopo il nostro ultimo messaggio mi sono recata dal cardiologo, il quale tramite ecocardio ha rilevato una acinesia dell'apice, pur con ecg nella norma. Mi ha indirizzata immediatamente al pronto soccorso dove dopo alcuni giorni ho eseguito coronarografia e angioplastica per stenosi della discendente anteriore al tratto prossimale. Terapia farmacologica:
- lansox
- cardicor 5 mg
- plavix
- cardioaspirina
- torvast 80
Alla fine di aprile mi ripresento al ps per forte dolore toracico, costante e indipendente da sforzo. Visto il precedente mi trattengono per fare un eco stress, risultato negativo. Con due flebo di ranidil il dolore acuto passa, pertanto si ipotizza una forte gastrite, probabilmente causata dai farmaci. Mi viene sostituito il lansox con lucen e gaviscon e va molto meglio.
Nel frattempo inizio ad accusare dolori muscolari e articolari, soprattutto alla schiena e alle braccia. Mi spiegano che le statine hanno questo effetto inderiderato. Nello stesso tempo, e qui arrivo al dunque, sviluppo un dolore diverso, che parte dall'ascella destra (anche verso le costole) e a volte arriva fino sopra il seno. Preciso che nel 2006 ho avuto un linfoma di hodgkin curato con chemioterapia e radioterapia, quindi eseguo regolarmente delle ecografie. Mi reco comunque ad eseguirne un'altra e non si rileva niente di anomalo né riguardo i linfonodi né riguardo il seno. Anche l'rx torace non evidenzia niente fuori dalla norma. Ho fatto gli esami del sangue e il valore del ck è 81 (max 170) quindi nessun danno muscolare. Il fastidio che sento somiglia ad una leggera fitta che sento arrivare e andare via nel giro di pochi secondi. Il mio medico non è convinto che un'elettromiografia possa dare delle risposte e sia lui che il cardiologo attribuiscono la colpa alle statine. Posso avere un vostro parere?
Grazie

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
una leggera fitta come lei descrive non desta alcuna preoccupazione.
la,elettromiografia in questo caso non ha alcun senso

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente
Buonasera, la disturbo di nuovo per una ulteriore domanda: da circa una settimana i miei battiti sono aumentati, passando da una media di 75/80 bpm a 90/95 a riposo, se mi muovo (scale, passeggiata, ecc) vanno immediatamente a 100/110. Stamattina, appena alzata dal letto, erano a 110. Ricordo che prendo 5 mg di bisoprololo tutte le mattine. Il cardiologo dice che potrebbe essere colpa del caldo e mi ha suggerito un integratore di potassio e magnesio. So che è considerato normale un range di 60/100 battiti ma vista la mia situazione questo rialzo mi preoccupa. Preciso che ho eseguito un ecocardio due settimane fa e un ecg martedì entrambi nella norma (bpm 102 tachicardia sinusale). Sono ovviamente una persona ansiosa ma visti i precedenti credo sia normale.
Vorrei un suo parere... grazie

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
prima era in trattamento con 50 mg di atenololo ed ora con 5 mg di bisoprololo .
penso che con quello che ha avuto la terapia con betania bloccante dovrebbe essere più intensa

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente
No il metoprololo 50 mg me l'hanno dato solo in ps... dopodiché sono sempre stata in terapia con cardicor 5 mg. Il cardiologo dice che è già un buon dosaggio, anche perché la pressione è buona, anzi tende ad abbassarsi.

[#10]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
come vede però la frequenza no.
puo pertanto essere utile associare ivabradina

ne parli con il suo cardiologo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente
Grazie mille

[#12] dopo  
Utente
Mi scusi dottore ma può essere comunque il caldo ad aver innescato questo improvviso rialzo?

[#13]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Puo darsi ma nel suo caso la frequenza va ridotta.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#14] dopo  
Utente
Buonasera,
vi aggiorno informandovi che ho aumentato bisoprololo a 6,25 al giorno e ora i miei battiti si aggirano intorno ai 65/70/75 massimo a riposo.
Avrei bisogno di due informazioni:
- tra pochi giorni andrò in montagna: casa mia si trova a 735 metri slm, per quando riguarda le escursioni invece fin dove mi posso spingere? 1800/2000 metri slm?
- le escursioni che faccio solitamente sono abbastanza tranquille, in ogni caso che sforzo posso sostenere? 125/130 battiti al minuto? (durante la riabilitazione cardiologica eseguita nei mesi scorsi, in cyclette ho raggiunto anche 135/140 bpm e mi hanno detto che era normale per via del poco allenamento)
Aggiungo che ho eseguito due settimane fa ecg, ecocardio e test da sforzo tutti superati positivamente.
Grazie

[#15]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Dipende tutto dalla sua risposta alla terapia in atto che non e' prevedibile.
Tenga conto che sopra i 1500 - 2000 metri lo sforzo richiesto al cuore e ' quasi il doppio di quello a livello del mare.

Per cio' che riguard ala frequenza non ha molto senso mantenere 120-130 bpm a lungo neppure nel cuore piu' sano


Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#16] dopo  
Utente
Quindi mi sconsiglia escursioni anche se non troppo impegnative? Non parlo di arrampicate ovviamente ma di passeggiate in sentieri con leggera pendenza

[#17]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Le ho spiegato ciò che doveva essere spiegato e cioè che superare i 100 bpm per lungo periodo non fa bene al cuore così come oltre i 2000 metri rarefacendosi l ossigeno lo sforzo che esegue a livello del mare raddoppia.

con questo la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza