Utente 543XXX
Gentile Dr. Maurizio Cecchini,
avendo letto e apprezzato suoi consulti ci terrei a chiederle quanto segue: da circa un anno, a causa di alcuni sintomi per i quali non ho avuto un granché di informazioni ( subito dopo questo chiederò il consulto in neurologia), ho perso molta della mia forma fisica e vorrei cercare di ritrovarla ma non riesco. Ero abituata fin da piccola e vivendo in campagna a fare lunghe camminate con gli animali e a stare sempre tutto il giorno in movimento mentre ora, a causa di contratture muscolari, stanchezza cronica e una forte sindrome premestruale che mi fa stare male una decina di giorni al mese , sono molto affaticata e non ho camminato quasi più. Adesso sto riprendendo a farlo, poco alla volta, come posso fare per riprendere la mia forma fisica ? La mia pressione da sempre tendente al basso ha dei picchi più alti durante la sindrome premestruale, anche i battiti al minuto , a riposo mai sopra ai 70, sono salti in quei giorni critici e ho poco fiato e forza anche solo per fare una camminata . Ho preso anche un po' di peso . Ho anche controllato i polmoni e fatto un paio di ecg solo per controllo e altro non mi hanno fatto fare, uno normale al di fuori del ciclo e uno con tachicardia sinusale e rialzo pressorio durante il ciclo mestruale. Gli ormoni , compresi quelli tiroidei sono a posto, ho fatto un'eco alla tiroide ed è a posto a parte due nodulini che non hanno rilevanza e anche i passati esami ematochimi i generici erano normali. Può bastare riprendere a camminare poco alla volta ? Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Certo, basta che abbia la pazienza di riprendere gradatamente

Arrievderci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 543XXX

Va bene, faccio così e nel ringraziarla le chiedo ciò che ho scordato: perché durante le variazioni ormonali la pressione cambia? ( Da quel poco che ho visto perché non la misuro praticamente mai). Il medico di base non mi ha dato risposta. Ho sempre avuto 70 su 105 e ho visto i valori a 90 140. Tornati normali dopo poco ore. (Me l'ha controllata il medico). Devo bere di più e eliminare il sale completamente in quei giorni? Camminare e perdere quei pochi kg che ho messo può aiutare a tenerla sui miei valori normali?

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Perche' cambia ad esempèio il volume circolante. E poi non ha valori certo preoccupanti.


Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 543XXX

Bene, ho capito, la ringrazio per tutte le informazioni e le auguro buone cose.

[#5] dopo  
Utente 543XXX

Gentile dott. Maurizio Cecchini,
volevo dirle che in seguito ad una visita neurologica appena effettuata e ai consigli del dott. Ferraloro ora si è orientati verso la diagnosi di fibromialgia per la mia sintomatologia . Ho seguito i suoi consigli e man mano riesco a camminare , nonostante i dolori e le contratture muscolari, senza particolare affanno dal punto di vista cardio-respiratorio rispetto ad altre persone e sto riprendendo come diceva gradualmente. Questo per quanta riguarda l'aggiornamento del consulto , la ringrazio ancora . Visto che lei si occupa di informazione, ho visto, approfitto per chiederle una questione: poiché mio padre , ancora abbastanza giovane, ha avuto un infarto mesi fa per il quale ha effettuato l'intervento degli stent coronarici, io ora come calcolo il mio fattore di rischio genetico- ereditario? Il fatto è che nel suo ramo sono tutti ultracentari e non è presente nessuna cardiopatia da generazioni mentre lui ha condotto una vita del tutto sedentaria, ha problemi psichici e scatti di rabbia, non ha mai camminato o altro, ha fumato tanto, ha mangiato fino a diventare molto in sovrappeso ed è pure iperteso ( cosa che nella mia famiglia non c'è mai stata) ; dunque ho attribuito l'evento a questo, o devo annoverarlo fra i casi familiari? Grazie

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Sinceramente mi pare che i problemi cardiaci ha presentato siano piu' che altro addebitabili ad una condotta di vita piu' che da una familiarita'.

Si tranquillizzi
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 543XXX

Si, bene , la ringrazio ancora.

[#8] dopo  
Utente 543XXX

Gentile dott.,Maurizio Cecchini vorrei chiederle se può darmi un parere o indirizzarmi - anche qui all'interno- per questo piccolo disturbo ma fastidioso. Il medico di famiglia mi ha solo detto che può essere di tipo ansioso e passeggero senza dare altra ipotesi. In queste notti mi capita che nel passaggio dalla veglia al sonno senta mancare l'aria, come si bloccasse il respiro che è però subito normale da cosciente. Allora mi sveglio completamente e mi viene ovviamente qualche minuto di ansia con tachicardia per riaddormentarmi . È iniziato mentre dormivo e mi sono svegliata tossendo un attimo perché ho avvertito come se mi fosse andato di traverso il reflusso . Subito dopo ha continuato come se andassi in momentanea apnea con il naso. Durante il giorno anche avverto che mi si chiuda il naso e manchi l'aria per via di una sorta di rinite con vasocostrizione senza muco ma apro la bocca ovviamente e non mi viene l'ansia e nessuna mancanza d'aria. Potrebbe trattarsi di questo e, nel sonno, si amplifica con l'ansia? Come di passeggera apnea notturna? Oppure di reflusso seguito da ansia? Problemi all'ATM? Ansia e basta ? O altro? In questi giorni ho un'influenza ma più di tipo intestinale con scarso coinvolgimento delle vie respiratorie e comunque senza nessun muco o ostruzione o sintomo. Ho una forte secchezza invece che non capisco sia esofagite o della trachea , magari da reflusso o virus, ma non vedo correlazione con il .disturbo . La tiroide l'ho controllata combinazione poco tempo fa ed è a posto come funzionalità e come eco ho solo due nodulini di nessun valore al momento. La ringrazio anche se non penso che sia di sua pertinenza ma ho apprezzato i suoi consulti e così , se mi indirizza , eventualmente mi rivolgo a chi di dovere per eliminare il disagio se possibile.

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
i disturbi chen lei riferisce non hanno le caratteristiche delle apnee notturne.
mi pare che abbia un quadro ansioso che potrebbe giovarsi di uno specialista

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 543XXX

La ringrazio infinitamente