Utente
Salve,
Ho 40 anni e da circa due anni mi è stata riscontrata un’extrasistolia in fase di ECG sul lavoro.

Una settimana fa ho fatto un Holter dinamico di 24 ore, dal quale si evincono 292 doppiette e 6 triplette ventricolari, con qualche sopraventricolare.

C’è da preoccuparsi?

Ci tengo ad informarvi che nel 2006 ho subito un intervento di simpaticofrassi toracica bilaterale (nel ramo Intergangliare T2/T3) mediante neurocompressione con endoclips in titanio, per iperidrosi palmare, ascellare e cranio-facciale.

A destra il nervo fu compresso adeguatamente, in modo tale da perdere totalmente la sudorazione alla mano per almeno due anni.

A sinistra il nervo fu scarsamente compresso, tanto scarsamente che tuttora la mano suda sotto tensione.

Mi chiedo se c’è una correlazione tra la neurocompressione instabile a sinistra e le extrasistole...?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nessun nesso.
Ha poche extrasistoli anche se, come lei scrive , con sei triplette.
Esegua un Ecg sotto sforzo e cerchi di ridurre il suo peso perché è veramente un fattore di rischio

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta Dr. Cecchini.

Stasera sono stato dal cardiologo che mi seguirà, e mi ha già messo in lista per eseguire un ECG sotto sforzo e mi ha indicato una dieta ipocalorica per ridurre il mio peso.
In effetti sono proprio le sei triplette che destano un po’ di preoccupazione, per cui è necessario capire bene l’origine delle stesse, forse dovute ad un prolasso cardiaco (non ricordo di cosa nello specifico) oppure anche ad una carenza di potassio, soffrendo di iperidrosi.
Motivo per cui mi ha detto di eseguire almeno una volta l’anno un controllo di monitoraggio, avendo anche mio padre deceduto a 52 anni per complicazioni post-angioplastica (reduce IMA dieci anni prima).

Grazie ancora per l’interessamento.
Saluti

[#3] dopo  
Utente
Oggi ho fatto anche ECG sotto sforzo.
Questo è l’esito:
Bruce: Complessiva durata esercizio 12:06
FC max: 169 bpm 93% di max prevista 180bpm
FC a riposo 68 bpm
Max carico: 13.60 METS
Massima variazione ST: -0.04 mv, 0.00 mV/s in V3; esercizio Stadio 3 06:29
Aritmia BIGV:2, EST:71, ESVP:2, SALVE:1, COPP:14.
Interruzione esame: affaticamento del paziente.
Sommario: ECG a riposo: BEV.
Capacità funzionale: corrispondente all’età.
Variazione FC sotto sforzo: corrispondente all’età.
Disturbi tipo angina pectoris: nessuno.
Aritmia: nessuna.
Variazione tratto ST: nessuno.
Impressione complessiva: prova da sforzo normale.
Riassunto: Test Ergometrico interrotto al 93% della FC teorica max, prevista per l’età a 169 bpm, 13.60 METS, dopo 12 minuti, alla fine dello Stadio 3 (prot al Bruce), in assenza di segni e sintomi di sichemia (forse ischemia) inducibile.
L’ AIV è diminuita sotto sforzo (BIGV:2, ESV:71, ESVP:2, COPP:14).

Mi è stato detto che le extrasistole scompaiono sotto sforzo, perciò sono benigne.
Concorda con questo dr. Cecchini?

[#4]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Concordo perfettamente

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso