Utente
Dottore buon giorno.
Sono cardiopatico con 3 By-pass, ablazione e due recenti stent.
FA dal by-pass (22 anni fa), ben controllata dopo ablazione (8 anni fa).
Faccio semestralmente Holter e negli ultimi (da ca.
3 anni) sono state trovate alcune pause non superiori a 2, 3-2, 5.
Sono in cura con Xarelto 15 e cordarone 100/die + antiipertensivi.

Recentemente ho fatto un holter che mi ha preoccupato molto perché il mio medico di base mi ha ventilato la possibilità di PM.
In questi ultimi giorni ho notato una elevata extrasistolia (2-3 battiti, pausa e così via), al punto di non riuscire a misurare la pressione.
Le allego il referto Holter per una sua cortese valutazione.


Paziente di anni 80; esame eseguito per controllo in disturbo noto della conduzione AV.

Ritmo di base sinusale normofrequente (Fc media 62 bpm); blocco AV di 1 grado di base, con numerosi episodi di blocco AV di 2 apparentemente sempre con periodismo di LW e con R-R massimo di 2488 ms alle ore 04.21.
Si segnalano alcuni battiti condotti con blocco di branca alternante.

Normale escursione giornaliera della Fc; la Fc minima è stata di 31 bpm alle ore 20.51 e la massima di 112 bpm alle ore 10.37.
6 extrasistoli sopraventricolari nelle 24 ore, sempre singole.

Sporadica extrasistolia ventricolare (130 BEV nelle 24 ore), polimorfa, mai precoce, in una sola occasione a coppie.
Non alterazioni di tipo ischemico della ripolarizzazione ventricolare.

Indice SDNN 151 ms, RMSSD 210 ms, pNN50 34%: i valori documentano spiccato ipertono vagale.
Non sintomi in diario clinico.

Si consiglia proseguimento del percorso di cura con:

Data la comparsa anche di disturbo della conduzione IV si consiglia valutazione elettrofisiologica per decidere su impianto di PM o modifica della terapia.


Le sarei grato per una sua cortese valutazione, sopratutto per la necessità di PM, intervento che non mi preoccupa, se non il dovere ricoverarmi in questo?
?
particolare periodo’’
La ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
In realta' il suo Holter dimostra una buona efficacia della terapia in atto senza la necessita', almeno al momento, di un impianto di uno stimolatore

Controlli l'assetto tiroideo ogni 4 mesi (TSH, fT3, fT4)

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso