Utente
Illmo Dott.
Buongiorno.
A seguito di numerosi battiti ectopici ventricolari (polimorfi, monomorfi) che a seguito holter arrivano a 22.000 in 24h.
Per poi diminuire di molto in un esame a 40 gg.
Dopo episodi di oppressione retrosternale con partenza di sensazione di forte aritmia con giro di testa a seguito di sforzo (episodio bici in salita, un altro a seguito di forte stress) fatta prova da sforzo (interrotto per comparse all'acme di dispnea ingravescente associato a dolore toracicoretrosternale, urenteregredito al primo min.
rec-All'ecg frequenti B.
E.atriali e ventricolari.
Profilo pressorio ipertensivo.
Test dubbio per sintomi e segni (Bev) eseguita Tac coronarie dove è risultato questo:
Buona visualizzazione dell'intero albero coronarico.
Dominanza del circolo coronarico destro.

Arteria coronaria destra.
Origine e decorso anomali dell'arteria coronaria destra.
In particolare, il vaso emerge dall'aorta ascendente, poco al di sopra del seno coronario sinistro, e della relativa giunzione del sinotubulare; decorre inizialmente tra aorta ascendente e tronco polmonare e di seguito nel solco atrioventricolare destro sino alla crucs cordis; descrive all'origine un angolo acuto (39) e presenta lungo il decorso inter-arterioso aspetto e fessura (silt-like).
Tali reperti sono orientativi per decorso intramurale (all'interno della parete dell'aorta ascendente).

Non apprezzabili alterazioni nella restantedell'arteria coronaria destra.

Riconoscibili i rami postero laterale ed interventricolare posteriore.
Il ramo postero laterale è di buon calibro, indenne da stenosi critiche.
Il ramo interventricolare posteriore invece è molto sottile e per quanto possibile valutare con la metodica, appare esente da possibili alterazioni.

Arteria coronaria sinistra.
Tronco comune regolarmente pervio.
Nel tratto prossimale dell'arteria intraventricolare anteriore si nota placca fibrocalcifica, senza significativa riduzione del calibro.
Regolare aspetto del vaso restante.
Riconoscibili un ramo diagonale indenne da stenosi critiche.
Arteria circonflessa di aspetto regolare.
Riconoscibili due margini ottusi esenti da significative alterazioni.

Chiedo, cortesemente, un parere anche sul tipo di prevenzione o quant'altro.
Attualmente assumo 1, 25 sequacor.
Poi da anni per placche carotide cardioaspirina e provisacor 5mg, eutirox k-tiroide) e didrogyl per problemi paratormone.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Dato il quadro della TC coronarica ritengo che il dosaggio del beta bloccante sia veramente molto basso, in considerazione anche del suo peso.
Inoltre un beta bloccante piu' consono al trattamento delle aritmie potrebbe essere il nadololo a dosaggio congruo per il peso corporeo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Ill.mo Dott. M. Cecchini, La ringrazio per la veloce e cortese risposta, vorrei, data la mia ignoranza a riguardo, capire di più sul contenuto della Tac e "dell'anomalia" presente, che cosa significa, anche perchè il mio medico di base ha detto che dovrei evitare pesi sforzi, è dovuto all'anomalia citata?
Ancora Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
C'e' il sospetto di un ponte intramiocardico (che potrebbe essere confermato o smentito da una coronarografia)

data la sua eta' non giovane la programmerei, perche' ha un test da sforzo dubbio

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Prego Dottor Cecchini buongiorno, scusi se torno sull'argomento ancora. Volevo chiederle se una scintigrafia al miocardio (esame meno invasivo e più sopportabile rispetto alla coronarografia) può essere utili per il sospetto di ponte intramiocardico.
Grazie
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Assolutamente no
La coronarografia nel suo caso è fondamentale ed è un esame che viene eseguito quotidianamente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso