Utente 495XXX
Buonasera, dovrei fare una gastroscopia per indagare se soffro di reflusso. Però ho letto che la gastroscopia non è l'esame per il reflusso, ma il mio gastroenterologo afferma l'opposto che dalla gastro si vede tutto. La cosa strana è che dai referti della gastroscopia che leggo qui sul sito molte volte viene fatta diagnosi di reflusso. Ma allora la gastro serve e vede tutto oppure no?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La gastroscopia è l'esame di riferimento in quanto mette in evidenza le condizioni che possono predisporre al reflusso (ernia iatale, incontinenza cardinale) e gli eventuali danni del reflusso (esofagite). Solo in caso particolari, quando non è chiaro il reflusso, si procede ad accertamenti di secondo livello come la ph-impedenzometria esofagea.


Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Dottor consentino grazie per le sue spiegazioni. Quindi dalla gastro si vede diciamo queste cose che predispongono al reflusso. Se avessi una delle cose che ha elencato allora verrebbe fatta la diagnosi di reflusso gastroesofageo. Se invece non avessi nulla devo fare poi la Ph impedenziometria esofagea oppure si fa dopo la diagnosi di reflusso per vedere gravità?

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La diagnosi gastroscopica di reflusso è certa in presenza di esofagite. Diversamente la diagnosi è clinica (sintomi) e solo nei casi dubbi o di non facile controllo dei sintomi con la terapia ( o per una valutazione pre chirurgica) si ricorre alla ph-impedenzometria esofagea.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 495XXX

Ho capito dottore, allora farò la gastroscopia poi in base a cosa uscirà farò altri passi. I sintomi credo siano solo atipici

[#5] dopo  
Utente 495XXX

Gentile dotto Cosentino.
Vorrei fare una domanda. Ho letto ormai tantissimo siti dove si parla di Reflusso gastroesofageo ed ho trovato i maniera così ricorrente che la causa sia ernia iatale e sopratutto il cardias incontinente. Quindi le cause di reflusso Sono queste ? Se una persona soffre di reflusso avrà a valvola che appare aperta ?
Grazie

[#6] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Una persona può avere il reflusso anche con la valvola normale ossia senza ernia iatale.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente 495XXX

Capito dottore. Se questa è la regola allora tutte le cause del reflusso non sono affatto vere. Ho capito che non esiste causa.

[#8] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ribadisco (e soprattutto per l'utenza che legge i consulti): le cause del reflusso sono molteplici e non sempre riconducibili all'alterazione anatomica del cardias, A volte entrano in gioco alterazioni della motilità gastrica o esofagea, pu avendo un cardias regolare.

E con questo chiudo.


Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#9] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La diagnosi gastroscopica di reflusso è certa in presenza di esofagite. Diversamente la diagnosi è clinica (sintomi) e solo nei casi dubbi o di non facile controllo dei sintomi con la terapia ( o per una valutazione pre chirurgica) si ricorre alla ph-impedenzometria esofagea.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it