Utente 490XXX
Salve, è la prima volta che vi scrivo ,so che sono solamente dei consulti in linea ma possono essere d'aiuto a molto utenti e vi ringrazio molto per ciò che fate, ma veniamo a noi: è da circa 2 mesi che soffro di stanchezza e giramenti di testa nonché sporadicamente mal di gola,sono andato dal medico generico che mi ha visitato e mi ha detto che soffro di muscoli contratti nel collo che mi porta cervicalgia e nella gola non erano presenti elementi da segnalare,mi dà una cura che non sortisce effetto,in quest'ultimo periodo soffro insieme a questi sintomi anche di diarrea e un leggero fastidio al fianco destro nel quadrante inferiore con bei mal di pancia,senso di nausea,mi tira anche la gamba destra,tutto ciò se sono di riposo tipo a letto sparisce.Non ho avuto febbre e l'appetito non mi è mancato,secondo lei è possibile che si può trattare di appendicite infiammata ? grazie anticipatamente

[#1]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signore non è facile rispondere ad un quesito così preciso senza una valutazione clinica diretta per cui il primo consiglio che mi sento di darle è quello di sottoporsi ad una visita chirurgica. In linea di massima i sintomi che descrive non fanno pensare ad una appendicite ed il fatto che il dolore scompaia con la posizione supina mi fanno pensare più ad un fattore neuromuscolare. Tuttavia esistono alterazioni infiammatorie del colon, come ad esempio una colite, che invece che possono giustificare alcuni suoi sintomi. Si tratta di patologie benigne che tendono ad accentuarsi in particolari periodi di stress, accelerando la peristalsi, inducendo doloretti di tipo colico ed un alvo diarroico. In altri casi si potrebbe pensare anche ad una intolleranza alimentare per determinati alimenti, facilmente accertabile con test specifici.Il campo delle ipotesi diagnostiche è molto ampio ed in assenza di una visita possiamo solo formulare ipotesi diagnostiche che andrebbero comunque validate di persona.
Per questo, al persistere dei sintomi le consiglio di rivalutare con il suo medico curante l'opportunità di effettuare ulteriori esami ed una visita specialistica. Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Grazie dottor Nardacchione