Utente
salve un anno fa ho ritoccato la punta naso, riducendone le dimensioni delle cartilagini alari e' alzando la punta, imi sono accorto sin da subito che le narici erano una piu' voluminosa dell'altra il mio chirurgo inizialmente voleva farmi delle infiltrazioni di cortisone ma ha voluto aspettare che i processi di guarigione avvenivano naturalmente per paura di atrofizzare troppo i tessuti e' che il difetto peggiorasse,ad un anno di distanza il mio problema persiste e questo gonfiore da una narice rispetto all'altra non mi piace il chirurgo che mi ha operato cerca di sminuire il problema e' mi sconsiglia di ritoccare il naso, xche' ha paura che ritoccando la zona interessata ci possa essere un collasso della narice da qui mi sono fatto valutare da altri 2 esperti uno mi dice di operare di nuovo con una tecnica open ,l'altro mi dice che ritoccando la zona della cartilagina alare nuovamente potrebbe collassare la narice come il mio primo chirurgo,ma attenzionando bene il difetto io che lo guardo ogni giorno mi sono accorto che e' la cartilagine triangolare piu' estesa dall ' lato sinistro ha creare piu' volume rispetto a quella di destra che risulta meno estesa quindi potrebbe essere questo il motivo per cui il naso sembra piu voluminso da un lato?premetto che nell intervento le cartilagini triangolari non sono mai state trattate,eventualmente se fosse questo il problema e' possibile riportarla alllo stesso livello con un ritocco ambulatoriale?? e' in quella zona si potrebbe creare il cosidetto collasso della narice?

[#1]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
rioperare sì o no, questo è il problema.... se in effetti ci si trova al "limite" della resezione cartilaginea, ovvero se togliendo ancora si rischia il collasso, o si lascia così o si interviene con una via di accesso open e dopo aver asportato l'eventuale cartilagine in eccesso si eseguono anche manovre chirurgiche per prevenire un possibile collasso delle narici. In quest'ultimo caso l'intervento non è semplice e quindi vale la pena di chiedersi se possa essere il caso o no di sottoporcisi. L'unica cosa che a mio avviso non è da fare è una correzione in anestesia locale.
saluti
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net

[#2] dopo  
Utente
ma se si tratta di una cattica cicatrizzazzione il ritocco sarebbe possibile in quella zona? o c'e' il pericolo di una collasso della narice? xke' gli specialisti che mi hanno visitato parlano di cattiva cicatrizzazione,in quanto le cartilagini sono state adeguatamente modellate nell intervento ma mi spiegavano che la zona e' delicata da trattare.grazie.

[#3]  
Dr.ssa Maria Luisa Pozzuoli

36% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
TORINO (TO)
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2005
Gent.le utente, rimodellare una punta del naso, significa intervenire sempre sia sulle cartilagini alari che sulle cartilagini triangolari. Se queste vengono sezionate eccessivamente durante l'intervento, può aversi collasso della valvola nasale e quindi difficoltà respiratorie post intervento. Come fa ad essere cosi sicuro che nel primo intervento non è stato fatto nulla sulle cartilagini triangolari? Come al solito, nelle rinoplastiche secondarie, come linea generale, bisogna mettere sul piatto della bilancia difetti del naso e reale possibilità di correggerli con il secondo intervento. Non conoscendo la sua problematica,seppur molto dettagliata la sua spiegazione, naturalmente non possiamo fornire alcuna diagnosi.

Cordialmente
Dr.ssa Maria Luisa Pozzuoli
Chirurgia Plastica ed Estetica
www.dottoressapozzuoli.com

[#4]  
Dr. Massimo Re

36% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
SPAGNA (ES)
SEREGNO (MB)
LECCO (LC)
RICCIONE (RN)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Troppo difficile da valutare la sua situazione senza poterla visitare.
Forse si può risolvere il suo problema senza operare, con l'aiuto della bioplastica nasale. Ne parli con il suo chirurgo.

un saluto,

Dr. Massimo Re
Specialista Chirurgia Plastica ed Estetica
info@massimore.com