Utente 121XXX
Gentili dottori,

volevo chiedere il vostro parere sulla mia situazione.Quattro mesi fa improvvisamente ho cominciato ad avvertire dolori alla regione anale (anche alta)internarnamente.Era quasi impossibile sedermi e persistevano forti fitte e spasmi piu lievi alla mattina e mano a mano durate la giornata sempre piu forti.Ho usato subito le pomate al cortisone per emorroidi, ma la situazione peggiorava, cosi' mi sono rivolta a un chirurgo, che ha diagnosticato emorroidi di 2 grado con prolasso emorroidario (in pratica escono ma poi rientrano), criptite anale e una piccola lesione , mi ha detto che praticamente è una ragade molto piccola.Ho utilizzato per praticamente un mese supposte di mesalazina (2 al giorno) e pomata alla nifedipina e lidocaina sempre 2 volte, piu alimentazione adeguata e acqua a volontà oltre che fibre.Piano piano la situazione è migliorata e il dolore è passato, ma a volte mi tornava una sensazione di fastidio e di percezione di taglietto senza però spasmi forti, che in qualche giorno passava, un lieve fasidio è stato però quasi sempre presente.Premetto che anche precedentemente bevevo pochissimo alcool e ho sempre mangiato correttamente, inoltre da 4 mesi bevo un solo caffè al giorno.Purtroppo però da 10 giorni mi è tornata una bella congestione alle emorroidi e dei dolori molto molto forti interni, in piu mi capita a volte di sentire degli spasmi piu in alto a livello del retto come se dovessi andare in bagno ma in realtà no.Di corpo vado regolarmente con le fibre che prendo,in certi periodi tipo prima del ciclo ci vado anche troppo.Ho detto di questi dolori al mio medico di base che mi ha detto di prendere la solita pomata, sono ormai 10 giorni , ma nonostante al mattino vada meglio alla sera il dolore è insopportabile.Io adesso continuerò cosi per un po', ma nel frattempo, visto che alla visita di qualche mese fa mi è stata fatta solo l esplorazione rettale, mi chiedevo siccome il disturbo nonostante tutte le precauzioni persiste, se non ci possa essere qualche causa piu grave (il fastidio l ho avuto praticamente sempre, diciamo che mi sta venendo paura di qualche cosa di piu preoccupante).Quando mi do la pomata col dito percepisco una specie di taglietto, come se fosse una crosta, e preciso che non sanguina.Le emorroidi si congestionano anche se non bevo caffè, ne alcool e molta acqua.Vorrei se possibile un vostro parere, perchè sono giovane e questi problemi mi stanno condizionando la vita.
Un' ultima domanda:se prendo fans per il dolore per bocca peggioro la situazione? grazie, cordiali saluti

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
L' impressione, per quanto valutabile a distanza, è che la ragade sia responsabile della sintomatologia, ovviamente una visita proctologica credo sia indispensabile per rifare il punti della situazione. Nel frattempo analgesici, se prescritti dal proprio medico, possono essere indicati. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 121XXX

Buongiorno, la ringrazio molto per la risposta. Nel frattempo sto aspettando la visita, i dolori trafittivi sono migliorati, ma non spariti e ho ancora le emorroidi infiammate.Non per approfittare della sua disponibilità, ma avrei anche un'altra domanda: per questa tipologia di problema, c'è qualche controindicazione allo sport? Potrei peggiorare la situazione? Io normalmente pratico danza , a volte tennis e capita che a volte faccio step.Nella danza che pratico io facciamo spesso esercizi e movimenti in cui tiriamo su le gambe il piu possibile, allungamenti ecc.ed esercizi per rafforzare i glutei.Puo' essere un problema? la ringrazio in anticipo, saluti

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No, certo i sintomi possono aumentare in assenza di terapia adeguata con l' attivita' fisica.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it