Utente 190XXX
Gentili Dottori, vi scrivo perchè il mio caso è un pochino diverso da quanto ho potuto apprendere nelle mie ricerche.
Soffro da un paio di giorni di emorroidi di terzo grado che sporgono e non rientrano manualmente (o meglio fuoriescono di nuovo dopo la riposizione).
La dimensione è quella di una falangetta, non trascurabile.
Quello che mi stupisce è che non ho sanguinamento, nè dolore, solo un leggerissimo senso di peso. Inoltre stare seduto non mi fa stare male, anzi sto meglio. Sto curandomi con 3 pillole di Daflon 500 e pomata Preparazione H, oltre a bagni caldi.
So che probabilmente dovrei operarmi, ma la stessa situazione mi era successa anni fa e, dopo una settimana acuta, era rientrata spontaneamente in tempi molto lunghi (6/7 mesi) senza nemmeno prendere farmaci in quanto non gli avevo dato peso. Non fumo, non bevo, non amo il caffè, sono in peso forma. L'unico mio vizio è stare molto tempo sul water a leggere (non lo farò più!)

Vorrei sapere se posso sperare che si risolva anche questa volta, se va bene la cura e se in questa fase è meglio fare una vita normale ma senza sforzi (per lavoro sto molto seduto al computer) o è meglio stare stesi a letto a riposo qualche giorno, o al contrario camminare molto e fare moto.
Consigliano di fare molto moto, ma vale anche per la fase acuta o è meglio stare a letto? Stare seduti peggiora la situazione, anche sembra che mi faccia stare meglio?

Grazie mille

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile signore, la sua problematica emorroidaria secondo la classificazione tradizionale sarebbe nel momento in cui la descrive un quarto grado.
Riguardo alle sue domande posso dirle che la fase acuta potrà risolversi anche questa volta, certo in fase di acuzie oltre alla sua terapia il cui risultato dovrà essere monitorato dal curante o dallo specialista, sarebbe preferibile per velocizzare i tempi anche stare a riposo, mentre nel periodo di quiescenza è utile una giusta attività motoria rispetto alla sedentarietà.
Se deve star seduto è preferibile una superficie rigida e non molle da sprofondarci dentro.
Le consiglio comunque una volta risolta la problematica acuta di risolvere il problema chirurgicamente in quanto la possibilità del ripetersi del fenomeno potrebbe diventare più frequente.
Cordiali saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente 190XXX

La ringrazio molto della risposta.
Quindi stare a riposo vuol dire non necessariamente a letto, posso comunque lavorare al PC purchè su superficie dura, giusto?
Avrei un'ultima domanda.
E' meglio insistere con la manipolazione varie volte al giorno oppure è meglio lasciar riposare la parte?
Ho notato che dopo la manipolazione ho un po' di indolenzimento (e comunque tornano fuori subito), invece se non mi tocco il dolore è del tutto assente, ho solo il fastidio del "corpo estraneo" che sporge e nulla più.
Ci sono farmaci più efficaci o veloci nel trattamento?
Conviene aumentare il dosaggio di Daflon a 4/5 al giorno?
Grazie ancora

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile signore, può lavorare al pc se per lei è una necessità ovviamente senza esagerare, se riuscisse a ridurre il pacchetto emorroidario che precedentemente era all'interno del canale anale sarebbe meglio, ma non sempre si riesce soprattutto se non si è a riposo.
Infine può assumere per i primi 4 giorni fino a 6 compresse di daflon, 2x3 al giorno e poi ridurre la somministrazione a 2x2 per altri 3 gioni e continuare con 1 compressa x2 se la sintomatologia è migliorata.
Cordiali saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#4] dopo  
Utente 190XXX

Grazie mille, allora aumento il dosaggio come mi ha consigliato e da quanto ho capito lascio perdere la manipolazione.
La tengo aggiornato.
Cordiali saluti e buona domenica.

[#5] dopo  
Utente 190XXX

Buongiorno sono al 4° giorno in cui prendo 3+3 di Daflon e mi sembra che la situazione sia migliorata.
Il problema è sempre esterno, ma sicuramente c'è meno tensione e si è quasi annullato il senso di peso.
Diciamo che se non le sentissi al tatto potrei pensare di essere guarito.
Proseguo come da programma con 2+2 per altri 3 giorni e poi riduco a 1+1?
Per quanto tempo devo continuare a prendere il Daflon, anche nella dose minima?
Se il problema dovesse rientrare in tempi molto lunghi come già occorso anni fa (ci mise vari mesi), devo continuare per tutto questo tempo a prendere Daflon o smetto?
Grazie

[#6]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile signore prosegua come già consigliato e può continuare con la dose di mantenimento per un mese, quindi se dovesse persistere la problematica non più in acuzie, sarà il momento giusto per farsi valutare da uno specialista e programmare l'intervento.
Cordiali saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza