x

x

Postoperatorio emorroidi metodo Longo

Buongiorno, sono stato operato di emorroidi con il metodo Longo una settimana fa. I primi tre giorni sono andati bene, con un dolore penso nella norma per un postoperatorio del genere. Il problema è sorto una mattina dopo una defecazione dove forse lo sforzo è stato maggiore degli altri giorni. Sono cominciati dei dolori molto intensi che ora mi accompagnano tutto il giorno, impedendomi una vita normale. Il dolore è distinguibile da quello causato dalla ferita all'interno dell'ano ed è localizzato nell'area del coccige, del cosidetto "osso sacro". Basta un colpo di tosse, il defecare o il rimanere per una certa posizione per certo tempo per far si che il dolore aumenti. Ho consutato il mio medico di base e mi ha detto di continuare con la terapia antidolorifica ricettatami dal chirurgo (paracetamolo+codeina) ma a due giorni di distanza nulla è cambiato.
Vorrei sapere se è normale avere dolore al coccige dopo un intervento del genere e cosa potrei fare per ridurre il dolore, che è veramente molto intenso.
Grazie anticipate e buona giornata.
[#1]
Dr. Roberto Rossi Gastroenterologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,6k 207 8
Il dolore post operatorio è piuttosto normale per alcuni giorni ,una o due settimane. Per ora deve continuare con gli antidolorifici magari passando a qualche farmaco di diverso tipo. Ne parli con il curante.

Dr. Roberto Rossi

[#2]
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale 25,4k 632 347
No, non è normale e probabilmente l' evacuazione 'sforzata', che sarebbe assolutamente da evitare nel postoperatorio di questo ed altri interventi analoghi, ha giocato un ruolo.
Va rivisitato dal proctologo.
Auguri!

Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per il chiarimento, sono riuscito a parlare con il mio medico curante e mi ha detto che potrebbe essere un'infezione che va curata con antibiotici.
[#4]
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale 25,4k 632 347
Mi permetto di dissentire. Sia sul fatto che un'eventuale prescrizione farmacologica o di altra natura deve seguire una visita e non una conversazione, sia sull' opportunità che la visita di controllo la faccia il chirurgo e non il suo curante, per quanto indubbiamente competente.Prego.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Grazie nuovamente, ho scritto medico curante ma intendevo chirurgo (ho poca conoscenza della terminologia esatta). Lui non mi può visitare prima di qualche giorno perchè è in viaggio. Se è un'infezione e quindi l'antibiotico serve lo saprò (credo) domani, quando cioè comincerà a fare effetto... D'altronde non ho altra scelta...

Cosa sono le emorroidi? Sintomi, cause, cura, rimedi e prevenzione della malattia emorroidaria. Quando è necessario l'intervento chirurgico o in ambulatorio?

Leggi tutto

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio