Utente 311XXX
Salve,sono un ragazzo di 20 anni.Da novembre circa ho iniziato a sentire un fastidio all'ano molto invasivo.I primi giorni il fastidio era abbastanza doloroso da non riuscire a sedermi in certe posizioni.Il fastidio compariva durante il giorno,on capitava all'evacuazione (non ho mai avuto sanguinamenti),ma in altri momenti della giornata.Nei giorni seguenti il fastidio,che prima scompariva durante la notte e durante la mattina,ha iniziato a comparire anche in quei momenti.Pochi giorni dopo ho fatto una visita dal medico,che ha controllato la zona non notando niente di particolare,ipotizzando che l'ano potesse essere semplicemente irritato.Mi disse quindi di usare una crema (Elocon) e mi consigliò un detergente intimo per il lavaggio.La crema non mi diede alcun risultato,ma il lavaggio (immersione nel bidet della zona soggetta al fastidio per una decina di minuti con il detergente e acqua abbastanza calda) si. Nei giorni seguenti con i lavaggi il fastidio è diminuito molto,ma è sempre ricomparso.Ho smesso di usare la crema e ho continuato con i lavaggi di questo tipo (almeno 2 al giorno),ed il fastidio è rimasto a bada,ritornando però sempre a distanza di ore,a seconda di quello che faccio.Sfregando nella sedia per esempio comparire il fastidio,così come talvolta camminndo o correndo.Da quando ho iniziato i lavaggi il fastidio non è mai stato doloroso a tal punto da non riuscire a sedermi,come capitava invece inizialmente. Non saprei descrivere esattamente come è...non è un prurito (non sento il bisogno di grattarmi) ma non è neanche doloroso...quando mi viene l'unico modo per tenerlo a bada è fare un bidet.In ogni caso,passato qualche mese il fastidio è rimasto sempre uguale,quindi ho fatto un'altra visita dal medico che ha suggerito la presenza di emorroidi (non ho mai sofferto di emorroidi prima) e mi invitò a fare una visita proctologica e anoscopia.Nel mentre mi disse di prendere il Daflon due volte al giorno per un mese,ma non cambiò nulla.Circa un mese fa ho fatto la suddetta visita,ma lo specialista non trovò nulla di strano durante la visita (niente emorroidi dannose).Di seguito il referto:
Descrizione: Regione perianale regolare.Regione anale regolare.Pliche raggiate normoconformate.Riflesso ano cutaneo presente,regolare.All'esplorazione rettale anello sfinterico apparentemente completo,normotono sfinteriale con regolare risposta alla contrazione volontaria sfinteriale e del puborettale, e regolare risposta in rilasciamento sotto ponzamento.Alla visita e all'anoscopia non si rilevano emorroidi d'importanza clinica.Lieve anite, aspecifica.Non sanguinamento nè secrezioni patologiche al momento della visita.Ampolla rettale libera.
Diagnosi: lieve anite,visita proctologia peraltro negativa per patologie proctologiche.

Come terapia mi diede il Pentacol 500 gel,2 applicazioni al giorno per 10 giorni,ma non è cambiato nulla.Non so quindi a cosa è dovuto il fastidio,e sopratutto cosa devo fare per eliminarlo... Cosa posso fare? Vi ringrazio!

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Mi pare che lei abbia fatto tutto ciò che c'era da fare: una buona visita proctologica e un inizio di trattamento per l'infiammazione in atto a livello anale. La terapia sembra anche adeguata al caso, ma la sua inefficacia ci dimostra, ancora una volta, che non tutti gli organismi reagiscono allo stesso modo. Credo che a questo punto la cosa migliore da fare sia quella di tornare dal Proctologo che l'ha visitata, in modo tale che il Collega possa valutare gli effetti del Pentacol e (probabilmente) sostituirlo con qualcos'altro.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente 311XXX

La ringrazio per la pronta risposta.
Difficilmente sarò in grado di tornare dal proctologo che mi visitò, visto che ci son voluti mesi per fare la visita e gradirei rimuovere il problema prima, quindi credo che opterò per un altro (chiaramente mostrando il vecchio referto).
Buona giornata!

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Anche questa è una buona soluzione.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente 311XXX

Salve, riscrivo qua a quasi un anno di distanza dall'ultimo messaggio. Il fastidio è sempre presente purtroppo, e non so ancora cosa sia... Dall'ultimo messaggio ho fatto una ulteriore anoscopia, dalla quale non è stato nuovamente visto niente di particolare... ho fatto in seguito una endoscopia rettale, che non ha portato nuovamente a nessun risultato... i medici mi hanno dunque consigliato di provare a fare una rettosigmoidoscopia, ma ancora una volta non hanno trovato niente. Il medico che ha eseguito questo ultimo controllo mi ha consigliato di fare un esame delle feci per parassiti. L'ho fatto ma non è stato riscontrato niente, ancora una volta...
Durante tutti questi mesi i medici mi hanno dato alcune creme, come l'Antrolin due volte al giorno per due settimane (e successivamente riproposto per 3 settimane, insieme a una bustina di Psyllogel la sera per 2 settimane), un'altra crema di cui ora mi sfugge il nome sempre per due volte al giorno 2 settimane, lo Vea olio spray due volte al giorno e due pastiglie di Duspatal al giorno per 2 settimane, più un paio di detergenti intimi consigliati.
Però non è cambiato nulla, il fastidio rimane costante. Se, quando lo ignoro, aumenta di intensità, solo un bidet lo allieva per un po' (solitamente; ci sono volte in cui non da' grandi risultati neanche quello).
Sinceramente non so più che fare, letteralmente... il problema non accenna a scomparire e ho esaurito le opzioni...
Avete qualche consigio da darmi? Sono stanco e super stanco...

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Ho riletto daccapo tutta la sua storia, alla ricerca di qualcosa mancante nell'iter diagnostico, ma purtroppo non ho trovato nulla: sembra che lei abbia fatto davvero tutto il possibile per evidenziare la causa del suo fastidio, ma gli accertamenti sono tutti negativi. Onestamente nemmeno io so più come consigliarla. L'unica cosa (bidet a parte, che sembra le diano sollievo) è quella di provare a farsi vedere da un altro Proctologo sperando che prima o poi, visitandola, qualcuno trovi la giusta chiave di lettura del suo problema.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente 311XXX

Come temevo... La ringrazio per la risposta.

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#8] dopo  
Utente 311XXX

Scrivo nuovamente qua perchè il problema è ancora presente. Dall'ultimo messaggio che ho scritto ho fatto una visita da un gastroenterologo che mi ha consigliato di fare altri esami, nello specifico delle analisi del sangue, una manometria e un tampone rettale/cutaneo.

Dalla manometria, dalle analisi del sangue e dal tampone rettale non è risultato niente di anormale, mentre il tampone cutaneo ha rilevato la presenza di due microorganismi: Staphylococcus hominis e Corynebacterium amycolatum.

Ho un'altra visita con il gastroenterologo programmata per i prossimi mesi (prima non era possibile), quindi chiedo a voi se questi microorganismi potrebbero essere la sorgente del mio problema, e nel caso cosa si può fare per rimuoverli.


Rileggendo la mia descrizione del problema ho comunque notato di essere stato piuttosto vago sui sintomi che ho, però mi viene difficile descriverli... una cosa che però mi ero scordato di dire (sinceramente non mi ricordo se è stata una dimenticanza o in quel periodo ancora non lo avvertivo) è che spesso sento calore nell'ano; ci bado specialmente la notte, ma più che altro perchè quando sono sdraiato non sto facendo altro. Oltre il calore sento spesso come delle pulsazioni sempre nell'ano, non so se ha anche senso come cosa... oltre quello anche dei movimenti, un po' come dei restringimenti e allargamenti per così dire...

[#9]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Beh, intanto già aver trovato dei microrganismi mi sembra un decisivo passo avanti nella sua sfortunata storia. La visita con il gastroenterologo dovrebbe a questo punto tenerne conto e la terapia dovrà essere decisa di conseguenza. Un'unica cosa mi sento di aggiungere: non è possibile che ci vogliano mesi per fare una visita, ci deve pur essere una soluzione più veloce! A volte basta spostarsi di qualche chilometro per trovare liste d'attesa molto meno lunghe. Di certo non può attendere così tanto tempo solo per fare una visita.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#10] dopo  
Utente 311XXX

Preferirei rivedere lo stesso gastroenterologo, che mi aveva fatto una buona impressione. Purtroppo però c'è da aspettare, anche se se ho fortuna riesco a vederlo prima, se capitano dei buchi nelle prenotazioni.

La ringrazio per la risposta, sapere che quei microrganismi potrebbero essere la causa mi da' un po' di speranza!

[#11]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Cerchi di insistere per poter essere visitato prima...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com